01 settembre 2011

JMJ giorno 4: verso Madrid

Cose da ricordare:
- Tutto quello che ho sentito dire sulla Meseta spagnola è verissimo! Nel "giorno" di viaggio tra Tarragona e Madrid fuori dal finestrino abbiamo visto solo piattume, terra rossa, a tratti quasi desertica, e qualche pala eolica. Che ora capisco perchè dicono che sia il pezzo peggiore del cammino di Santiago, e non sono poi così dispiaciuta di averlo saltato!

- Lo scoprire, mentre si passa sul meridiano di Greenwich, perchè gli spagnoli mangiano ad orari impossibili (qui viene fuori l'etnocentrica che vive in me!): si son piazzati sul fuso sbagliato!!! Effettivamente non veniva mai notte...


- La tranquillità delle casette di Majadahonda e quanto è bello essere accolti dai sorrisi dei volontari con le loro magliette verdissime

- Il piacere di mangiare una pizza (!!!!) seduta per terra...


Cose da portare a casa:
- Quando di sceglie di mettere il proprio sacco a pelo nelle vicinanze di un prato ricordarsi di controllare che non ci siano irrigatori nelle vicinanze: si rischia un risveglio improvviso!!!



6 commenti:

Isabel ha detto...

la meseta è spettacolare!

La Lunga e l'uragano Irene ha detto...

:D ti ha svegliata un irrigatore?!?!

Federica ha detto...

@lunga: in realtà mi ha svegliato fra scuotendo il sacco a pelo e dicendomi "metti in salvo le tue cose"... poi mi ha spiegato che c'era un irrigatore! ^_^

cooksappe ha detto...

insomma, ti e' piaciuto! :)

Carlo De Petris ha detto...

avrei solo un appuntino da fare sulla ... """pizza""" :P

Maruzza ha detto...

bella la Meseta (sto immaginando foto a gogo)!
Un irrigatore???"metti in salvo le tue cose" è favoloso...mi sa di scritta da maglietta!immagino il logo dell'irrigatore e la scritta...XD