30 ottobre 2012

la pupilla a forma di €

Questa foglia sulla neve mi ha regalato più di un sorriso, mi ha abbracciato forte anche se da lontano.

Questa foglia ha la forma di € e parla, anche se non lo sa, con la voce del Capo. Perchè se ci fosse ancora mi direbbe che son taccagna e sempre sui soldi finisco a gioire. Lo farebbe con la voce grossa e gli occhi che sorridono: ne sono certa perché lo ha fatto mille volte per tutte le mille volte che le ho dato motivo di farlo.

Questa foglia profuma di amicizia, anche se i chilometri che ci separano son tanti.
E ha anche un nome: si chiama semplicemente Ricarica telefonica.

Da quando il Capo non c'è più io e Capitan Findus ci sentiamo tutti i giorni e ci siamo fatte forza a vicenda, non per colmare un vuoto grande come quello di una migliore amica che non c'è più ma per non cascarci dentro a quel buco nero.
Domenica, sbadata come sono, mi sono accorta di essere rimasta con soli 13 centesimi. Cioè, me l'ha gentilmente ricordato la Vodafone. Allora io scrivo dal cellulare di mia sorella a Capitan Findus per avvisarla che son senza soldi, che avrei ricaricato al più presto e mi sarei fatta viva . Ma cacchio è domenica e il tabacchino ormai è chiuso, di uscire e andare fino al supermercato non ne ho voglia che diluvia e inizio a rimandare a dopo pranzo, a dopo merenda, a fra un po'. E alle 8 di sera suona un sms, non è di nuovo Capitan Findus che mi chiede che cavolo sto combinando ma è una mini-ricarica. Che le amiche e la tecnologia arrivano là dove un vecchio bradipo non arriva.

Che il Signore ti mantenga l'abitudine Capitan Findus, direbbe il Capo.
L'abitudine di volermi tanto bene ma soprattutto di farmi regali, dico io!

5 commenti:

Strawberry ha detto...

Bello...una foglia davvero speciale...:-)

Sara ha detto...

mi ero persa Capitan Findus....

la Cri ha detto...

Grande Capitan Findus! :)

Elio ha detto...

Certo che la tecnologia moderna aiuta molto. Se volete mando a tutte due il mio numero di telefonino (lol). Buona serata.

Anonimo ha detto...

Cosa fa fare la disperazione;-))