29 luglio 2013

Peter Pan

Bettelheim, un amichetto di Freud, ce l'aveva con la Disney: diceva che prendeva le fiabe e ne edulcorava i contenuti, fino a snaturarle.
Il Peter Pan della Disney, infatti, è un tizio molto simpatico!

Il Peter Pan di Barrie? è un ragazzino arrogante, egocentrico e che uno prenderebbe a sberle dopo 5 minuti.
Sarà anche che l'ho letto in un momento in cui mi trovavo a che fare quotidianamente con dei ragazzini che assomigliavano parecchio a Peter... mi ha deluso un po'.

Poi però a questo Peter, un po' come a quei ragazzini, nonostante tutto, nonostante la voglia di prenderlo a sberloni ti ritrovi a volergli bene.

Tutti i bambini, tranne uno, crescono. Lo sanno presto che cresceranno e Wendy lo seppe a questo modo.



4 commenti:

Silvia ha detto...

A me stava un po' sulle balle anche il Peter Pan della Disney... fa te!

Charlie Brown ha detto...

La Disney non fa altro che rendere ancora più favolose le favole :-)

Audrey Borderline ha detto...

per la verità Peter Pan, anche quello della Disney, mi ha sempre snervato ...solo trilli mi piaceva :)

Kylie ha detto...

A me infastidiscono anche i Peter Pan un po' più grandi...

Un abbraccione