26 aprile 2015

Selma - La strada per la libertà

Cosa sappiamo di Martin Luther King? Su per giù credo sia riassumibile nella sua frase più famosa I have a dream.

Nel film Selma son passati due anni da quel discorso e siamo in Alabama, profondo sud degli Stati Uniti, dove essere neri non significa essere discriminati, significa ancora vera e propria segregazione.
Significa che anche se in teoria tutti possono votare, poi ci sono talmente tanti cavilli che la percentuale dei neri che può votare è irrisoria. 
Da Selma partirà il braccio di ferro di Martin Luther King con il neo presidente Johnson perché questo diritto sia garantito.
La battaglia non sarà priva di vittime e tensioni interne, ma la marcia da Selma a Montgomery segnerà un passo decisivo in un lungo percorso che permetterà ad un uomo nero di diventare Presidente degli Stati Uniti.

Ho letto che è stato molto criticato perchè ci sarebbero diverse discordanze storiche, ma il punto di forza di questo film è la capacità di coinvolgere nel dramma di quello che sta succedendo di fronte ai proprio occhi, con un'ottima regia e una scelta molto attenta delle musiche.
Certamente non è un film leggero: è di quelli che ti porti il magone fino a casa e, seppur senza piangere, ti lascia gli occhi lucidi, Fa parte di quella categoria di film che ti fanno riflettere, non tanto su quello che è stato ma su quello che sta capitando. La storia si ripete, dicono. Senza dubbio ci sono atteggiamente davvero duri a morire: l'ignoranza di certi personaggi, la loro superbia e insensibilità.

Occhio gente, che è un attimo essere giudicati dalla storia come quelli che si misero sul ponte a guardare la gente che marciava e non come quelli che si unirono alla lotta della giustizia!

---
Anche questo film l'ho visto con Claudia, se passate da lei trovate la sua recensione!

13 commenti:

minerva ha detto...

io sono innamorata degli anni '60, della figura di Martin Luther King e di tutto quel periodo in generale, perciò pretendo di vedere al più presto questo film :)
Baci
Minerva

minerva ha detto...

io sono innamorata degli anni '60, della figura di Martin Luther King e di tutto quel periodo in generale, perciò pretendo di vedere al più presto questo film :)
Baci
Minerva

Patalice ha detto...

mi sono molto pentita di non averlo visto al cinema, tanto che, mi auguro, potrò recuperarlo ad uno spettacolo estivo all'aperto prima che su sky

Katiu R. ha detto...

L'ho visto anche io: è vero, in alcuni punti è stato un po' pesante, ma è davvero un film ricco di significato (al di là delle trasposizioni errate della storia).

Scarabocchi di Pensieri ha detto...

Segnato! ;)
Ho la sensazione che mi possa piacere.

Scarabocchi di Pensieri ha detto...

Segnato! ;)
Ho la sensazione che mi possa piacere.

Natascia ha detto...

Dev'essere molto interessante... me lo devo segnare anche io ;)

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Spero di guardare questo film prima possibile.
Serena giornata.

UIFPW08 ha detto...

Sicuramente un film da vedere, grazie Federica
Grazie di cuore
Maurizio

Auryn ha detto...

Se non ci sono scene troppo cruente, potrei vederlo anche io...! Vado tranquilla?

Federica ha detto...

@auryn: è toccante, ma mai violento e cruento. vai!

Silvia ha detto...

A me questo film e' piaciuto veramente molto. Mi ha indignata, mi ha fatto arrabbiare e mi ha fatto anche commuovere. Bella recensione Fede!

Ail Finn ha detto...

Messo in lista! :) Ultimamente mi sto perdendo un sacco di cose...