05 gennaio 2016

Quo vado?

C'è stato un tempo in cui mi schifavo i film di Checco Zalone: non li avevo mai visti, ma mi sembrava dessero sfogo alla peggio Italietta sgrammaticata.
Poi per caso ho visto Cado dalle nubi e mi sono innamorata: sai, quando dicono che un uomo per conquistarti devi farti ridere? Ecco, Checco a me ha fatto scompisciare dalle risate e per lui, e solo per lui, ho fatto quello che hanno fatto altri 7 milioni di italiani: son andata al cinema il giorno in cui è uscito.

La trama di Quo vado? la sapranno pure le pietre, visto che nelle ultime settimane Checco è stato in tv praticamente ovunque. Checco era un impiegato provinciale che non faceva un cavolo da mattina a sera, ma quando un cattivissimo ministro decide di chiudere le province per lui inizia l'inferno. Abbandonare il posto fisso accettando una buona liquidazione o rimanerci attaccato come una cozza allo scoglio? Il senatore Lino Banfi consiglia a Checco di non cedere mai e da lì iniziano le peripezie di Checco.

Quo vado? è bello?, sarà quello che vi state chiedendo se non siete tra quelli che son andati a vederlo già nel primo fine settimana.
Sì, a me ha fatto ridere di gusto. Checco gioca sui luoghi comuni più comuni (quando ho lavorato in Comune ho verificato che non è mica vero che negli enti pubblici ci si lima le unghie!), sui difetti degli italiani mammoni ma mette in luce anche un'Italia che cambia. Checco anche questa volta, come già aveva fatto in Cado dalle nubi, si innamora di una ragazza impegnata: la Valeria di Quo vado? è una ricercatrice italiana che lavora al Polo Nord, coraggiosa e cosmopolita. In un'Italia dove per decenni la donna delle commedie di Natale erano solo tette e culi mi sembra una cosa assolutamente non scontata.

I primi due film di Checco Zalone son più divertenti, non c'è dubbio. Sole a catinelle a me non aveva fatto impazzire, anche se mi ero comunque divertita: secondo me Quo vado? è più bello.

E voi l'avete visto l'ultimo film di Checco Zalone? Vi è piaciuto?

13 commenti:

Luciano ha detto...

Andrò a vederlo presto.
Buon anno e ben ritrovata Federica :-)

Aldabra ha detto...

Ultimamente cerco di non andare al cinema con la "folla", infatti sto aspettando un po' per Star Wars... penso che affitterò il film di Checco più avanti. Anche io l'ho evitato per anni, insomma, troppe parolacce, troppe "scenette".. eppure fa ridere e anche pensare; il problema è che l'italiano medio coglie la sua ironia?

UIFPW08 ha detto...

Sinceramente non mi entusiasma molto, pero se non c'e di meglio
si puo vedere.
Maurizio

cri ha detto...

voglio andarlo a vedere. I comici non mi fanno ridere, normalmente, ma Zalone ci riesce alla grande. Buon anno Federica!

Sara ha detto...

Io non amo le sale cinematografiche, mi fanno dormire!

Kylie ha detto...

Nei COMUNI non ci si lima le unghie, in molti altri posti pubblici sì... credimi sulla parola.

Un abbraccio e buon inizio di questo nuovo anno.

Andrea Pizzato ha detto...

Non l'ho visto, grazie per i consigli ☺️ Ancora buon anno, ciao andrea

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Sicuramente lo dovrò guardare.
Saluti a presto.

Carmine Volpe ha detto...

io lo vado a vedere più tardi

Ail Finn ha detto...

Ti capisco alla perfezione. Anche io all'inizio guardavo Checco dall'alto in basso e poi - a dirla veramente tutta - non amo molto i film dei comici italiani: non mi fanno ridere. La formula è diversissima ed essere un comico capace in piccoli sketch non garantisce la riuscita in un film della durata di 85-90 minuti minimo.
In ogni caso, inciampata casualmente sul suo primo film (complica sky e una sorella amante della tv) e conquistata.
Questo andrò a vederlo domenica :)

Silvia ha detto...

Penso di essere una delle poche persone che non hanno mai visto un suo film. Non mi ha mai ispirato proprio per i motivi che hai scritto tu a inizio post (ma sai che non sono una grande amante del cinema italiano in generale). Chissà che un giorno non cambi idea anche io!

Laura ha detto...

Anch'io l'ho visto. Finalmente sono riuscita ad andare al cinema grazie ai nonni che in questo caso(pochi e rari casi) mi hanno tenuto Beatrice. Anch'io concordo che Checco è fenomenale in Cado dalle Nubi...ahahah in certe scene rido al solo pensiero e in Quo vado...una domanda che qua in Italia o ci poniamo troppo spesso o non ci poniamo per niente. Come te anche a me non faceva impazzire nelle altre pellicole. Sarà anche che nelle due pellicole citate mi ricorda sempre le mie vacanze pugliesi e miei amici che ho là con il suo "meee"...ahahah.

lemilleeunablogger ha detto...

Ecco come la penso io: http://lemilleeunablogger.it/index.php/recensioni/15-recensione-quo-vado-2016