11 giugno 2009

Ultima lezione

Domani alle 16 inizierà il mio ultimo giorno di lezione universitaria.

e lo so che non è proprio come chiudere un libro, mancano ancora diverse pagine. Per l'esattezza 3 pagine e mezzo per gli esami e si spera di non doverne ripetere la lettura di nessuna e tutte quelle di una tesi ancora da ipotizzare.
Effettivamente sì, alla chiusura di questo libro mancano ancora tante pagine.
Nella pagina di domani che segna la fine del capitolo "lezioni" la copratogonista sarà Madda, che ho conosciuto in questi 5 anni e ho scoperto essere una persona stupenda e non la merda che mi avevano descritto. C'erano altri personaggi che in questi 5 anni hanno fatto compagnia più o meno piacevole, qualcuno si è perso per strada con più o meno dispiacere della sottoscritta, qualcun'altro semplicemente non comparirà domani.
Un capitolo che ancora non è chiuso è uno dei primi: è quello della scelta. Avrò fatto la scelta giusta? dovevo fare qualcos'altro? e poi gira che ti rigira in questo lunghissimo capitolo di torte mentali alla fine la risposta è sempre la stessa: sono stata fortunata perché ho potuto studiare quello che mi interessa. Gira che ti rigira però la domanda rimane sempre Ma è poi proprio questo che voglio fare nella vita? e anche se volessi proprio farlo quante possibilità ho di trovare uno straccio di lavoro?!
E poi chissà com'è il mondo là fuori? fuori da scuole, licei e università... ma c'è un mondo che mi aspetta lì fuori?
Quante domande mi ronzano per la testa, quante risposte vorrei darmi prima di metter e un punto domani alle 18.
Ma fortunatamente io sono una persona seria e l'unica cosa che veramente mi fa arrovellare il cervello: domani mattina ho preso appuntamento alle 11 dalla parrucchiera e non ho ancora deciso quanto e come tagliare i capelli.
Scusate, ma questi sì che sono i problemi veri!

18 commenti:

AndreA ha detto...

Falli fare corti e verdi! :-))

A presto!! :-)

Grissino ha detto...

Quando si studia non si vede l'ora di andare a lavorare (per guadagnare). Quando si lavora si rimpiange quando si studiava all'universitá perché c'era una marea di tempo libero. Sigh.

Ale ha detto...

Ricambio la visita al blog :)

Per quanto riguarda le torte mentali di fine università... io me ne sono fatte tantissime.
Ho lavorato per circa 2 anni in un settore che poco aveva a che spartire con quanto studiato e ora sono di nuovo in cerca :)

Quindi il punto è: l'importante è aver studiato quello che piace :D

Ops, ho scritto un papiro :P

Buona giornata!

katiu ha detto...

Sono le classiche domande che tutti si pongono, quando si sta per chiudere un capitolo lungo ed importante della propria vita e se ne sta per aprire un altro, del quale si conosce poco o nulla.

Un consiglio? Non farti domande. Continua a vivere come hai fatto fin'ora e goditi questi ultimi scampoli di università.
A fasciarti la testa ci penserai quando è il momento.

A proposito di testa .. non tagliarli tantissimo, stai bene con quella lunghezza :)

La Lunga ha detto...

io se penso all'ultimo giorno di lezione qui a cesena(a firenze l'ho rimosso, chissà perchè!) ho ancora il magone...
sicuramente te l'ho già chiesto ma perdonami, sono un pò rinco. cosa ti porta a fare quello che hai studiato? (non vale rispodere a pulire i cessi come diciamo noi che sappiamo avere TAAAAANTEEEE possobilità di lavoro :P )
e infine il capello come pensavi di farlo più o meno?

Federica ha detto...

@ la lunga: in teoria la cooperante. cioè sia fare la responsabile/coordinatrice di interventi e progetti sul posto che lavorare qui nella parte più progettuale....

in pratica se imparo l'inglese potrei pulire i cessi all'onu ^_^

Carlo De Petris ha detto...

Per i capelli, secondo me più son lunghio e più son belli :P

Per le lezioni ... beh, io questa fase non l'ho ancora superata, e non mi sono fatto molte domande in proposito a dire il vero. Sono più concentrato sugli esami, ormai imminenti dalle mie parti! (si inizia martedì :) )

frufrupina ha detto...

Un dolce abbraccio,buon fine settimana.

Silvia ha detto...

Com'è andata??

:-)

Federica ha detto...

@ silvia: all'università bene... eravamo in 4! ^_^
e i capelli non tanto!!!

Suysan ha detto...

Sono in ansia per i tuoi capelli...allora?

Iole ha detto...

Concordo con Grissino
"Quando si studia non si vede l'ora di andare a lavorare (per guadagnare). Quando si lavora si rimpiange quando si studiava all'universitá perché c'era una marea di tempo libero."
Sigh.
Cosa studi???
E cosa ti piacerebbe fare dopo la laurea?

Clelia ha detto...

Io li ho tagliati corti.... Yeahhhhh


Clelia

Dany ha detto...

Ciao Fede attenta a nn esagerare dal parrucchiere!Un abbraccio Dany

«°*°♥*SERENA*♥°*°» ha detto...

Sai quante volte prima di laurearmi mi sono fatta le stesse tue domande? Ma alla fine la risposta era sempre la stessa: "ho fatto ciò che mi piaceva da sempre, non importa del poi"...ma il futuro poi mi ha sorriso, ho anche trovato un posto di lavoro quasi subito dopo il tirocinio, quindi mai essere pessimisti...l'importante è non porsi troppi "se", ma essere ottimisti sulle prospettive della vita...in bocca al lupo cara!!

lindöz ha detto...

Ahahah pazzoide :-P

In bocca al lupo per tutto

Carlo De Petris ha detto...

ma alla fine i capelli? Quante dita hai accorciato :)?

Simo ha detto...

Mi sono fatta le stesse pare anche io.... e sai che dopo un anno e tre mesi di distanza ancora non ho trovato risposta?? Però proprio oggi sono andata dal parrucchiere e m'ha tirato su di morale! :D