08 novembre 2022

Ottobre 2022

Ottobre è il mese del mio compleanno e quest'anno mi è parso di tornare a festeggiare come quando ero in Argentina: una quasi estate. Per quanto piacevole, leggermente inquietante.


Inquietante come lavorare in un asilo il giorno di Halloween...

halloween-decorazioni-facili


LIBRI:

Ultimamente incorro in libri che non mi entusiasmano: escluso il primo libricino che è un gioiellino, gli altri sono state letture tra il "più o meno" e il brutto.

Ad ottobre solo letture nell'emisfero boreale


Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico --> un piccolo gioiellino di Sepulveda per raccontare ai piccini ed ai grandi chi è un buon amico.

Oltre alla Storia della gabbianella e il gatto che le insegnò a volare, ho letto anche Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza: tutti belli, ma questo forse un po' di più.







Il rosmarino non capisce l'inverno --> è il primo libro che leggo di Matteo Bussola e ne ho apprezzato lo stile, anche se questo non è il mio genere. Ho infatti seguito l'invito di Daniela de Il book club dei viaggiatori di leggere racconti ad ottobre. In questo libro ogni capitolo è il racconto che ha protagonista una donna diversa che inizialmente sembrano tutti slegati tra di loro. Poi alla fine fa emozionare.










Autunno --> libro scelto, lo ammetto, per il titolo (ma posso consigliarvi di meglio come lettura autunnale).

Ambientato appena dopo la Brexit, Elisabeth è una trentenne in crisi, proprio come il suo paese. Si reca sempre più spesso all'ospizio a trovare il suo ex vicino di casa ultracentenario, che quando era ragazzina le ha fatto da mentore.

Questo è il primo libro di una tetralogia, ma è stata una lettura molto scialba quindi escludo di leggere i libri successivi.






L'amore al tempo degli scoiattoli --> Ho scelto questo libro per il titolo, lo ammetto. E perché c'era scritto in copertina che era divertente.

Noioso e strano all'infinito, come i due protagonisti californiani che sono in procinto di sposarsi e hanno da fare i conti con le loro piccole turbe e le loro famiglia decisamente turbate.











01 novembre 2022

Settembre 2022

Settembre, dove tutto è di nuovo - nuovo, è volato in un attimo!

Lavoro nuovo, nuovi ritmi e orari, nuove abitudini... si cambia sempre a settembre.


LIBRI:

Ho letto parecchio a settembre, anche se solo 1 libro mi ha davvero entusiasmato.


bonnie-garmus-lezioni-di-chimica

Lezioni di chimica
--> se l'8 marzo cercherete un libro che parli di discriminazioni di genere questo romanzo fa per voi. E' la storia di una chimica statunitense che negli anni '50 nessuno prende sul serio perché è solo una donna. Bloccata nella sua ricerca universitaria, si mette a condurre un programma serale di cucina, che trasforma in lezioni di scienze e poi di autostima femminile.

Leggetelo senza aspettare la Festa della donna! Merita per davvero: troverete una storia d'amore, di traguardi e sconfitte. Io amo i libri che ti fanno provare emozioni forti: rabbia, disperazione, entusiasmo, romanticismo... c'è proprio tutto tra queste pagine.



agatha-raisin-primo-libro


Agatha Raisin. La quiche letale --> Daniela de Il book club dei viaggiatori a settembre ha invitato a leggere dei gialli cozy (QUI ci spiega le caratteristiche di questo tipo di gialli). 

Una signora londinese in pensione compra casa nelle Cotswolds per passare una vecchiaia tranquilla. Per integrarsi nella vita del paesino decide di partecipare all'annuale gara di quiche ma, essendo negata in cucina, compra una torta già pronta in un negozio di Londra. Peccato che il giudice muore e Agatha si trova al centro di un giallo che lei stessa decide di risolvere.

Carino: non un libro imperdibile, ma probabilmente con calma leggerò altri libri con Agatha Raisin protagonista.


Il caso Alaska Sanders -->  Che delusione questa volta, Joel Dicker!

Questo libro si inserisce nella trilogia de La verità sul caso Harry Quebert e Il libro dei Baltimore, che ho adorato. 

Aprile 1999: viene trovata una ragazza uccisa vicino al lago e la polizia si accontenta velocemente di trovare il colpevole. Marcus Goldman anni dopo va a scavare nel torbido dei legami di un paesino di provincia dove sembra non accadere mai nulla. 

Il libro è noioso perché è pieno di rimandi ai libri precedenti ma, se, come me, li avete letti da parecchio tempo e non vi ricordate più bene i passaggi, non saranno sufficienti per rinfrescarvi la memoria. 

Se invece li state leggendo tutti di fila invece vi appesantiranno la lettura. 

Assolutamente da non leggere se prima comunque non si sono letti gli altri!

Dello stesso autore ho letto:

La verità sul caso Harry Quebert

Il libro dei Baltimore

L'enigma dellla camera 622


Salire in montagna: prendere quota per sfuggire al riscaldamento globale --> purtroppo questo libro di Mercalli è soporifero. 

Il tema è oggettivamente interessante perché il riscaldamento globale è ormai innegabile e Mercalli racconta la sua esperienza di uomo di pianura che decide di comprare casa in una borgata sperduta in Piemonte. 

Ovviamente "salire in montagna" potrebbe essere una soluzione per sfuggire al caldo ma va guidata in modo attento per non distruggere i fragili equilibri di queste valli.

Il libro è strutturato come un diario delle difficoltà burocratiche, strutturali e pratiche per ristrutturare una vecchia catapecchia con piccoli paragrafi in cui si approfondiscono alcuni aspetti. 


GIRONZOLII:

Quattro passi in amicizia...


17 ottobre 2022

Cinque consigli di lettura per l'autunno

I libri non hanno scadenza, ma ci sono delle letture che si adattano meglio ad una certa stagione dell'anno rispetto ad un'altra.

Come trovare il libro giusto per l'autunno? 
Io per esempio mi sono affidata al consiglio della bibliotecaria e ad un titolo che non lascia dubbi: non l'ho ancora iniziato, ma ne ho letto dei commenti molto positivi.



Con Claudia de Il giro del mondo attraverso i libri abbiamo deciso di trovare 5 letture che si esprimano al meglio in questa stagione.
QUI trovate i consigli di Claudia e a seguire i cinque tipi di libri che vi consiglio.

grafica di Claudia


Un libro per Halloween - Case di vetro di Louise Penny
Non sono mai stata una grande amante della festa di Halloween e di tutte le zucche che infesteranno le vetrine nelle prossime settimane, ma sicuramente in questa stagione una lettura un po' più inquietante del solito ci sta davvero bene.
I libri troppo crudi non sono pane per i miei denti, ma un bel giallo che inizia proprio nel fine settimana di Halloween è quello che secondo me è perfetto per creare atmosfera. 

Nel parco di un paesino del Québec compare un'inquietante figura mascherata e completamente vestita di nero che semplicemente fissa le finestre del bistrot. Se all'inizio sembra uno scherzetto e poi uno scherzo di cattivo gusto, ben presto si capisce che è davvero qualcosa di inquietante perché ci scappa il morto.

Non è il primo giallo di questa serie, ma il primo è decisamente acerbo quindi per appassionarvi consiglio di partire da questo qui... e poi ovviamente proseguire!
Anziché la copertina scelta da Einaudi, vi mostro quella russa che fa decisamente più paura!



Un libro per i Santi - Cambiare l'acqua ai fiori di Valerie Perrin
Nel periodo dei Santi ci si può concedere una lettura che aiuti a rielaborare un lutto o più in generale una perdita.  
Se siete tra le poche persone sul pianeta che ancora non hanno letto il best seller della Perrin è giunto il momento di recuperarlo. 
La protagonista è la custode di un cimitero ed è la storia di come con un dolore straziante si debba imparare a convivere. 
Io per questo autunno mi riprometto di leggere anche gli altri suoi libri.


Un libro che faccia piangere - Tutto il blu del cielo di Melissa Da Costa
Leggere al sole è bello, ma impone delle limitazioni per la propria dignità: scoppiare a piangere con un libro in mano in spiaggia o al parco può essere imbarazzante.
Approfittare della privacy del proprio divano per piangere è catartico!
Anni fa avevo fatto un elenco di libri che fanno piangere che trovate QUI, ma non è più stato aggiornato.
Ecco un libro uscito da poco che è ambientato in estate, parla di un viaggio ma è un viaggio molto doloroso e fa tanto piangere.
Cosa fareste se a 26 anni vi diagnosticassero una forma di Alzheimer precoce con una speranza di vita di due anni? Emile decide di evitare alla sua famiglia lo strazio di vederlo trasformarsi nell'ombra di se stesso ma sa che presto non sarà in grado di viaggiare da solo e quindi cerca su internet qualcuno disponibile ad accompagnarlo nel suo ultimo viaggio.


Un libro che faccia pensare - La frontiera: viaggio intorno alla Russia di Erika Fatland

In estate io preferisco le letture meno impegnative, quelle che mandano in vacanza ancche il cervello, ma in autunno ci si può dedicare ad un bel saggio.

La frontiera dell'antopologa norvegese è un libro molto corposo (per certi versi anche troppo) su un viaggio fatto intorno alla Russia, tutta la Russia. La prima edizione del libro è del 2017 ed è ovvio che molte cose sono cambiate ma è davvero utile per provare a capire qualcosa di più sulla Russia, tramite i suoi vicini. Io a febbraio ho riletto i capitoli ucraini per (provare a) capire le radici di quello che stava succedendo. 


Un libro che ti riporti in vacanza - ???

Leggere un libro ambientato nel posto dove andrai in vacanza è un ottimo modo per prepararsi ad un viaggio ed iniziare ad assaporarlo.

Ma quando si torna a casa dal lavoro stanch3, magari un po' arrabbiat3, cosa c'è di meglio di tornare in un posto dove si è stati bene?

Ovviamente per questa categoria di libri non ho suggerimenti, se non quello di lasciare per un po' il mondo fuori dalla porta!


01 ottobre 2022

La figlia unica

Trama de La figlia unica:

Laura ha scelto di non avere figli e racconta la storia della sua carissima amica Alina che invece ha fatto di tutto per riuscire a rimanere incinta. Alina però scopre durante un'ecografia che la sua bambina ha una gravissima malformazione e che probabilmente vivrà pochissimo dopo il parto. 

Laura racconta anche le vicende di Doris, la sua vicina di pianerottolo, che ha un bimbo con problemi comportamentali e che lei non riesce a gestire...

figlia-unica-messico

Recensione veloce veloce:

Tema centrale è la maternità, che è difficile da raccontare senza cascare in qualche cliché, mostrando la pluralità di questo concetto: Guadalupe Nettel non scrive un libro sullA maternità ma sullE maternità.

La copertina spagnola ci mostra in modo ancora più lampante come anche in natura non tutti vivano la maternità nella stessa maniera.

Lo stile è privo di fronzoli e il ritmo è serrato: le emozioni contenute in questo libro non hanno bisogno di orpelli per arrivare allo stomaco di chi legge.



Autrice: Gudalupe Nettel

Anno prima pubblicazione: 2020

Pagine: 224

Dove: Messico

Un'altra recensione: Claudia de Il giro del mondo attraverso i libri mi ha fortemente consigliato questo libro ed aveva ragione!





17 settembre 2022

Agosto 2022: il tempo di mezzo

Agosto è un mese bipolare: per le prime settimane si vive di rendita delle belle vacanze appena terminate e, per noi precari della scuola, e poi più ci si avvicina al fatidico 31 agosto che si è un fascio di nervi: il 31 agosto è sempre il mio millenium bug... bene, ma non benissimo!

ceresole-gran-paradiso
Alla Diga del Lago di Ceresole Reale (TO)


Libri:

Il mio bottino di letture di agosto mi ha consegnato 2 libri proprio belli, uno mediocre ma che ha il suo perché, ed uno proprio bruttino.

In ordine di gradimento:




coe-jonathan-romanzo
 I terribili segreti di Maxwell Sim -->  un viaggio attraverso il Regno Unito ma che è un percorso nella storia di Maxwell Sim e della sua famiglia. 
I temi toccati sono diversi: dalla solitudine dei social network, alle disparità globali e l'ambientalismo. 
Colpisce però lo stile leggero, ironico ma mai sarcastico. 
Assolutamente da leggere: per saperne di più QUI la recensione.










la-figlia-unica-guadalupe
La figlia unica -->  un romanzo messicano che affronta in modo originale e plurale il tema dellE maternità. 
Ci sono 3 donne con 3 storie diverse: una che ha scelto di farsi chiudere le tube, un'amica che desidererebbe tanto avere figli ma non ci riesce e poi dovrà affrontare una maternità difficile ed infine una vicina di casa che non riesce a rapportarsi con il suo bambino.
E' un libro emotivamente intenso che dà innumerevoli spunti di riflessione, senza perdere in chiacchiere inutili.
Spero di farci presto una recensione veloce veloce.












primo-libro-louise-penny




Natura morta -->  Dal primo giallo che ho letto con protagonista il commissario Gamache, mi sono innamorata del piccolo paesino del Quebec dove sono ambientate le sue indagini.
Natura morta è proprio il primo giallo scritto dall'autrice, ma che Einaudi ha tradotto solo adesso. 
Decisamente acerbo rispetto agli altri e probabilmente se lo avessi letto per primo non mi sarei appassionata. 
Gamache è comunque un commissario del mio cuore e continuerò a leggere gli altri libri man mano che Einaudi li tradurrà.
Per saperne di più: QUI la recensione.



Parata di stalloni --> è un giallo leggero ambientato in un maneggio, in cui si mixano storie d'amore, un pizzico di racconti piccanti e la morte improvvisa della proprietaria di un cavallo che sarebbe pronto per partecipare alle olimpiadi. Incidente a cavallo o omicidio ben occultato?
A scoprirlo dovrà essere una signora divorziata ed in pensione che si trova al maneggio in vacanza e si è innamorata dell'ex marito della morta.

Noioso dalla prima all'ultima pagina.








Gironzolii:
Ad agosto le vacanze erano ormai un ricordo ma mi erano rimasti alcuni giorni di ferie da sfruttare per qualche gironzolio:
  • tramite l'arte di scegliere le pochissime giornate piovigginose per fare un picnic ( per ben due volte)!
meugliano-lago

  • una gita in giornata al mare in cui mi sono dimenticata di fare almeno una foto al paesaggio, alla spiaggia, il paesello... ma non alle trofie al pesto!
trofie-al-pesto

  • una camminata con le colleghe perché lavorare con persone simpatiche è una fortuna!
ristorante-ritornato-corio
  • e poi il 31 agosto, quando poeticamente parlando "c'è una storia che nasce e un'estate che muore, ho mangiato un panino con la toma con questa vista... ed è subito poesia vera!
lago-di-ceresole