22 gennaio 2022

MMXXI

Cosa mi auguravo per il 2021 a fine 2020? 

Semplicemente speravo che andasse tutto bene e devo dire che è stato così: stiamo tutti bene.

Ci sono stati momenti giù come è normale, tantissima stanchezza non fisica ma dovuta alla situazione ed una grossa delusione. 

Per il resto però ci sono stati anche tanti momenti belli che hanno controbilanciato tutto il resto.


Gennaio:

C'è qualcosa di meglio di svegliarsi la prima mattina dell'anno a fare colazione con le persone a cui vuoi più bene?

Febbraio:

A febbraio mi sono trasferita nella casa nuova a cui, dopo quasi 1 anno, mancano ancora un po' di cose. Alcune fondamentali, tipo i lampadari. Ma è una casa che, pezzetto dopo pezzetto, mi assomiglia e di questo sono tanto contenta.

Marzo:

Finalmente il vaccino! Essendo una lavoratrice della scuola, ho potuto accedere fin da subito ai vaccini e sono felice di averlo fatto perché questo mi ha permesso di essere molto più serena e tranquilla. Ricordo il giorno del vaccino in cui ho incontrato tantissima gente che conosco, che ha lavorato in scuole dove sono passata pure io, amichə che non vedevo da tempo e ho ritrovato, dopo almeno 10 anni, la mia vicina di banca del liceo!

Aprile:

Un'altra Pasquetta con il sole saltata, ma il pranzo di Pasqua da zia mi ha riempito il cuore di gioia.


Maggio

La mia estate è stata lunghissima e caratterizzata da un'unica costante: non avrei avuto le ferie a luglio e agosto ma giorni da prendere qua e là, possibilmente tra maggio e giugno. Sembra strano con questa premessa, ma ho fatto più giorni al mare nel 2021 che nei 4 anni precedenti  in una lunga estate che è iniziata con un pranzetto in spiaggia a maggio ed è finita sotto la pioggia in una domenica in spiaggia a settembre.

La prima parte di questa estate è stata qualche giorno a Borgio Verezzi (SV), a mangiare pasta al pesto in posti panoramici e fare grandi dormite in spiaggia.


Giugno:

Avere le ferie nel giugno più piovoso degli ultimi 10 anni non è stato un colpo di fortuna: però una bella giornata al Lago Maggiore me la sono ritagliata.


Luglio:

A luglio ho fatto la madrina al mio nipotino: è stato emozionante ed è stata una gran bella festa.

Sempre a luglio c'è stata un'altra novità: sono diventata affidataria di un bimbo dell'asilo. E' un impegno che tuttora sta proseguendo e dal punto di vista del tempo non è molto impegnativo perché trascorriamo insieme un giorno alla settimana. E' un'esperienza però che mi sta arricchendo molto e, ammetto, che il divertimento è decisamente maggiore dei grattacapi!

Agosto:

Avevo (ancora) voglia di mare & di treno... e così mi sono regalata 24 ore di vacanzina meritata!

Settembre:

Sono tornata nella mia scuola con il mio mocio. E' stato breve... ma sempre piacevole.

Ottobre

Tra mille dubbi e poca convinzione, ho lasciato il mio posticino da bidella per accettare un posto in segreteria, ma in una scuola differente ad una mezzoretta da casa. 

Non ho ancora deciso che lavoro preferisco, ma in questa nuova scuola mi trovo benissimo.


Novembre:

Il pranzo di famiglia con il parentado non è una tradizione della nostra famiglia, ma mi piacerebbe che lo diventasse,  perché è molto meglio trovarsi per mangiare e bere che solo ai funerali no?


Dicembre:

Questa casa ha finalmente un divano come lo volevo io ed ora sa davvero di casa. Sono tanto contenta!


Al 2022 chiedo "solo" di proseguire così, quindi anche quest'anno:


07 gennaio 2022

5 libri migliori letti nel 2021

Arriverà anche il solito post annuale sulle mie "statistiche" di lettura, ma colgo l'occasione proposta dal gruppo "5 cose che" per fare un bel post-elenco.

I post-elenco sono poco impegnativi sia per chi li legge (se però volete approfondire un po', cliccando sul titolo del libro vi rimando al post relativo), sia per chi li scrive: la parte più difficile è ovviamente scegliere i 5 libri migliori del 2021.



L'ordine con cui ve li propongo è quello di lettura e non di preferenza.

Aspetto i vostri consigli di lettura e di sapere se avete letto qualcuno di questi libri!


Patria di Fernando Aramburu
La storia di due vecchie amiche basche nella cui vita ed amicizia irrompe il terrorismo e si ritrovano su due fazioni opposte: Bittori vedova con il marito imprenditore ammazzato e Miren che ha un figlio terrorista in galera.
La storia racconta sia gli anni del terrorismo sia quelli successivi, con il tessuto sociale completamente dilaniato.
Lo consiglio a chi ama la storia spagnola (o a chi vorrebbe saperne di più) e a chi ama le storie dove i punti di vista sono tanti.
Non ho letto altro di Aramburu, ma spero che il 2022 mi porti la possibilità di conoscere meglio questo autore.



Il maratoneta di William Goldman
Una storia scritta a metà ani '70 capace di tenere 40 anni dopo chi legge appiccicatə alle pagine con il cuore a mille.
E' la storia di un ragazzo semplice e di sani principi, con la passione per la corsa, che si innamora di una che sembra essere troppo per lui. Infatti si trova invischiato in una storia molto più grande di lui in cui nessuno è chi dice di essere. 
L'inizio è un po' lento e complicato, ma poi è indimenticabile.


Capannone n° 8 di Deb Olin Unferth
Una storia fuori dagli schemi, ambientata nella provincia statunitense. 
Un libro che coniuga il tema dell'ambientalismo e quello della storia personale della protagonista che rischia di vivere di rimpianti.
Bello bello e perfetto per chi è sensibile ai temi della sostenibilità ambientale ma non vuole leggere un saggio e chi sta sempre a pensare a come sarebbero potute andare le cose se si fossero fatte delle scelte differenti. 
Cosa che non guasta, è pure molto divertente.


I gerani di Barcellona di Carolina Pobla
Se come me ami le saghe familiari, questo libro deve finire dritto dritto tra quelli che vuoi leggere.
Due sorelle che si trasferiscono a Barcellona con sogni ed aspirazioni completamente diversi e che seguiranno strade differenti.
Sullo sfondo la storia spagnola tra il 1928 ed il 1953. 



Quando le montagne cantano di Nguyen Phan Que Mai
Un'altra saga familiare che vede protagoniste una nonna e sua nipote, ambientata in Vietnam.
Tramite la coinvolgente storia di queste due donne scopriremo la storia travagliata di questo paese, prima durante e dopo la Guerra del Vietnam.
Assolutamente da leggere per chi crede che la storia si possa imparare non solo dai manuali e per chi ama le trame in cui intrecciano le vicende di donne forti.

01 gennaio 2022

Dicembre 2021

Stressante questo dicembre?

Ma no, che dici?

Libri:

Dal punto di vista delle letture sono stata fortunatissima in questo mese: 3libri belli-belli, uno più bello dell'altro.

Le letture di dicembre mi hanno portato qui


L'ibisco viola --> un libro di quelli che lasciano il segno, che fanno stare male, crudele. 

Siamo in Nigeria e, dietro la facciata della famigliola perfetta, a casa di Kambili si nasconde l'inferno: un papà fondamentalista cristiano disposte ad ogni tipo di tortura, fisica e psicologica, per portare i figli sulla retta via. 

Merita assolutamente una lettura, ma è da valutare bene quando leggerlo: non è una storia che abbandona il lettore nel momento in cui si chiude il libro. 

Della stessa autrice ho letto e amato Americanah.



libro-perrin-cimitero
Cambiare l'acqua ai fiori --> libro famosissimo e forse ero rimasta l'unica a non aver letto il secondo
libro della Perrin.

Ora che l'ho finito posso capire perché è piaciuto così tanto e ha avuto tutto questo successo.

E' un libro che è ambientato per gran parte, ma non solo, in un cimitero francese dove Violette, la protagonista, ne è la guardiana. E' un libro che racconta di un dolore straziante, con cui si deve convivere. E' estremamente coinvolgente ed accattivante nei ritmi.  

A volte leggo libri in cui avrei voglia di abbracciare i personaggi, invece in Cambiare l'acqua ai fiori avrei voluto che fosse Violette ad abbracciarmi.



rowling-natale

Il maialino di Natale
--> una storia di una tenerezza incredibile della Rowling. E' una lunga fiaba che ha tutte le carte in regola per essere apprezzata anche da chi è grande. L'avventura di Jack alla ricerca del suo peluche preferito che è andato perduto si concentra nella magia della notte di Natale, ma non è un libro eccessivamente natalizio quindi leggetelo quando volete.


Birra. Manuale per aspiranti intenditori --> Colorato ed intuitivo è un bel regalo (o autoregalo) per chi si affaccia ad una nuova passione. Non è una lettura illuminante e spesso si ha la sensazione che molte parti siano state scritte per riempire pagine: davvero serve indagare su quali sono i vantaggi e gli svantaggi di una birra comprata al supermercato rispetto alla birrificio? Altre parti invece spiegano in modo semplice delle cose un po' più complesse. 

Giunti pubblica manuali simili anche a tema Vino, Cocktail e Whisky.



L'estate in cui tutto cambiò --> storia per ragazzi scritta a metà anni '70 ambientata nel Dorset: una ragazzina timida con la passione epr i fossili si trova in vacanza con i genitori. Una serie di piccole avventure, non particolarmente divertenti.





Audiolibri:



Ho finito di ascoltare su Spotify Orgoglio e Pregiudizio.

Non posso dire che non mi sia piaciuto, ma non capisco proprio qual è la scintilla che fa innamorare tante persone di questo libro.

Ho iniziato ad usare Storytel che effettivamente è molto più funzionale per ascoltare i libri.


Film & serie tv:


L'ultima (e spero ultimissima) stagione de La casa di carta è tornata ad un buon livello: lontana dalle glorie delle prime stagioni, ma per fortuna molto meglio di quella boiata che ci hanno rifilato a settembre.

Fa piangere il giusto, chiude un cerchio.