31 ottobre 2012

Premiuzzi

Che bello ricevere dei premi... anche se poi ci metto una vita per ritirarli e trascinarmeli sull'albero! E questi sono le mie terze foglie sulla neve perchè i complimenti fanno sempre piacere!

Settimana scorsa Strawberry mi ha insignito del premio Cutie Pie Award... Grazie, anche perchè la terza regola del premio che mi piace tanto!!!

Eccole le regole:
1) nominare chi ha creato il premio: La creatività di anna.

2) citare da chi l'abbiamo ricevuto: fatto!

3) descrivere le tre cose più carine del vostro blog: Io amo e adoro il mio blog perchè è esattamente come me... ma se dico così non adempio al mio compito per benino quindi ecco perchè il mio blog è proprio come la vera Federica.
-C'è un po' di tutto: dalla cucina ai libri, passando per un telefilm: come sono io... tanti interessi diversi, anche se non sono un'esperta di nessun campo in particolare.
-C'è la mia storia di quasi cinque anni di vita, cose importanti e cose futili che se non avessi scritto mica mi ricorderei... e mi dispiacerebbe un sacco!
-C'è la mia voglia implacabile di chiacchierare con chiunque... e voi in questi anni mi avete dato grandi soddisfazioni!

4) assegnarlo a 10 blogger, ma io mi limiterò a tre:
- Monica di Viaggi e Baci perchè adoro la sua iniziativa sui viaggi!
- Serena che è una delle persone che ormai non è solo più una blogger ma un'amica!
- Katiu per esser entrata nella saga del maghetto...

E poi tanto tempo fa pure cri mi aveva premiato ma il suo premio ha delle regole complicate e ci ho dovuto pensare tanto... ma scervellarsi fa bene, quindi grazie mille anche a te!
Eccole le famigerate regole del premio Simplicity:

1) Rispondere alla domanda su cos'è la semplicità:
Per me la semplicità è saper cogliere la bellezza nelle cose di tutti i giorni, piccole o grandi che siano, senza lasciarle passare inosservate sotto il proprio naso.

2) dedicare un'immagine a chi ti ha donato il premio:

3) passare il premio a 12 blogger, ma anche 'sta volta mi limiterò a tre:
- Marco per la sua bella iniziativa delle foglie sulla neve
- Laura che sa cogliere "le cose che nessuno sa" con la sua macchina fotografica
- Sara Pugliese che mi aggiorna sulla serie-tv che mi piacciono di più!

30 ottobre 2012

la pupilla a forma di €

Questa foglia sulla neve mi ha regalato più di un sorriso, mi ha abbracciato forte anche se da lontano.

Questa foglia ha la forma di € e parla, anche se non lo sa, con la voce del Capo. Perchè se ci fosse ancora mi direbbe che son taccagna e sempre sui soldi finisco a gioire. Lo farebbe con la voce grossa e gli occhi che sorridono: ne sono certa perché lo ha fatto mille volte per tutte le mille volte che le ho dato motivo di farlo.

Questa foglia profuma di amicizia, anche se i chilometri che ci separano son tanti.
E ha anche un nome: si chiama semplicemente Ricarica telefonica.

Da quando il Capo non c'è più io e Capitan Findus ci sentiamo tutti i giorni e ci siamo fatte forza a vicenda, non per colmare un vuoto grande come quello di una migliore amica che non c'è più ma per non cascarci dentro a quel buco nero.
Domenica, sbadata come sono, mi sono accorta di essere rimasta con soli 13 centesimi. Cioè, me l'ha gentilmente ricordato la Vodafone. Allora io scrivo dal cellulare di mia sorella a Capitan Findus per avvisarla che son senza soldi, che avrei ricaricato al più presto e mi sarei fatta viva . Ma cacchio è domenica e il tabacchino ormai è chiuso, di uscire e andare fino al supermercato non ne ho voglia che diluvia e inizio a rimandare a dopo pranzo, a dopo merenda, a fra un po'. E alle 8 di sera suona un sms, non è di nuovo Capitan Findus che mi chiede che cavolo sto combinando ma è una mini-ricarica. Che le amiche e la tecnologia arrivano là dove un vecchio bradipo non arriva.

Che il Signore ti mantenga l'abitudine Capitan Findus, direbbe il Capo.
L'abitudine di volermi tanto bene ma soprattutto di farmi regali, dico io!

29 ottobre 2012

Pozione ringiovanente

Come perdere una dozzina di anni in un solo fine settimana. Roba da brevettare: una pozione ringiovanente.

Io dopo il concerto di Cesare mi sento la stessa ragazzina che a 15 anni era andata al concerto dei Lunapop. Solo che all'epoca non esistevano, grazie al cielo, Twitter e Facebook.
E ora, alla mia età, cerco di limitarmi e contenermi. Ma proprio del tutto non ci riesco.

Ma poi mi passa vero, Lunga? Tu che di disturbi psicologici te ne intendi... come posso guarire?
Qualcuno mi salvi :)

oppure abbandonatemi su una spiaggia di corallo...

28 ottobre 2012

Tutti i colori di Cesare

Ave Cesare, mio Cesare!
Si capisce che sono un filo entusiasta del concerto di Cesare?

Non ho cambiato idea su di lui: sicuramente non è un gran figo, come avevo notato quando l'avevo intravisto alla Fiera del Libro.  E la stempiatura c'è eccome: forse aveva ragione mia zia a dire a mio cugino che se si pasticciava troppo i capelli poi gli cadevano, vedi cos'è successo a Cesare!

Però ha un carisma 'sto ragazzo: quando canta sembra che fra tutti stia cantando proprio a te e quello che ti dice sono le cose che ti fanno battere forte il cuore. E' magnetico!! [sospiro con occhio a cuoricino]

Cesare per due ore canta, suona e parla poco, quasi niente.
Il palco è piccolo e molto semplice ma con una piccola sorpresa: un pianoforte in mezzo al pubblico da cui suona alcune sue canzoni più intime.

E il suo repertorio lo fa tutto, ricordando con orgoglio "un ragazzo molto giovane a cui voglio ancora molto bene" che gironzolava per i colli bolognesi.
Fa anche "Niente di più" che non ascolto da una decina di anni probabilmente, ma di cui ricordo le parole a memoria e mentre le canto non posso fare altro che pensare che sia meravigliosa.

Merita di andare a vederlo (meriterebbe di rivederlo!!) anche solo per risentire come ha cantato una canzone che non è tra le mie preferite, ma quel "baciami adesso" mi ha fatto venire l'occhio a cuoricino che non riesco ancora a levarmi! La versione live di Latin Lover potete sentirla qui
E guardate chi abbiamo incontrato... gente strana!


27 ottobre 2012

Ho visto un tipo che mi piace

...si chiama Cesare!
[parafrasando quellli di capodanno]

Domani vi racconterò tutto di ieri sera... ma che meravigliosa serata!

24 ottobre 2012

Le pietre dei miei viaggi

Monica di Viaggi e Baci si è pensata un bel tema anche questo mese: Le pietre dei miei viaggi. 
Credo che la sua idea originale fosse di portarci in giro per i siti archeologici del mondo, ma questi non sono proprio il mio habitat naturale perché amo maggiormente la storia e l'arte più vicina ai nostri giorni.
Quindi, con un'interpretazione un po' più ampia, ecco quali sono le tre pietre dei miei viaggi dalla più vecchia alla più giovane!

Roma, Piramide di Caio Cestio, aprile 2007
Amo Roma, la adoro. E tutte le volte che ci son tornata ho trovato sempre qualcosa di nuovo da vedere.
Questa foto l'ho scattata durante un intensissimo fine settimana romano appena scese dal treno all'alba, perché Roma è così (sarò estremamente banale): ovunque ti giri ti trovi davanti a qualcosa che merita di chiedersi "e quello cos'è?".
Caio Cestio era un ricco romano con un leggero culto della personalità: infatti volle una piramide come tomba ed ebbe la pretesa che fosse costruita in meno di un anno se no gli eredi non avrebbero visto il becco di un quattrino... La Piramide prova che di gente strana ce n'era già parecchia un paio di millenni fa!

Nelle vicinanze di Sarria, lungo il Cammino di Santiago di Compostela, Mojone, agosto 2008
Lungo il Cammino di Santiago i Pellegrini incrociano spesso delle pietre miliari con indicati i chilometri che li dividono ancora dalla loro meta. A volte incrociarli mi regalava dei grandi sorrisi mentre altre volte mi demoralizzavo pensando a quanti pochi chilometri avessi fatto dall'inizio della giornata e quanti ancora me ne mancassero per vedere un letto.
Questa stele è particolarmente "vissuta" perché indica i 100 km da Santiago, cioè il minimo di chilometri da percorrere a piedi per aver diritto alla Compostela.
Queste pietre non hanno particolare importanza storica in sé (credo), ma il Cammino lungo cui son poste è esso stesso una pietra miliare della storia europea poiché fin dal Medioevo era la via più percorsa dai pellegrini per giungere fino alla tomba dell'apostolo Giacomo.

Sirmione, scultura di Stefano Bombardieri "I don't like a Rolling stone", agosto 2010
Vagando per le magiche viuzze di Sirmione ci siamo imbattute in una scultura di Stefano Bombardieri, uno scultore italiano contemporaneo.
Nella foto non si vede ma c'era un pannello con scritto "I don't like a Rolling Stone"... e in questo caso come dargli torto!!



21 ottobre 2012

Sette anime & Vi perdono, ma inginocchiatevi

Sette anime è uno di quei film di cui all'inizio non capisci  molto e ti chiedi solo sempre il perchè di quello che vedi, di cui quando inizi a capire rimani con il naso appiccicato allo schermo e quando alla fine intuisci come andrà a finire inizi a piangere sperando di aver inteso male. E quando finisce il film stai ancora piangendo. Non è un capolavoro ma davvero un bel film.
[Se lo avete visto potete votarlo qui]






Poi con Fra ci siamo anche viste Vi perdono, ma inginocchiatevi e abbiamo di nuovo pianto un bel po', questa volta di rabbia.
[Se lo avete visto potete votarlo qui]

Ora che abbiamo finito settembre siamo pronte, con la puntualità che ci contraddistingue, a partire con il tema di ottobre!

19 ottobre 2012

Regalo sexy

Ho una nonna davvero originale e che per fare i regali non si accontenta di un'idea banalotta o scontata.

Siccome è molto preoccupata che resti zitella mi ha organizzato un casting tra Vigili del Fuoco e volontari della Croce Rossa per trovare finalmente un moroso...

...ma neanche così le è riuscita la missione impossibile!!
E per fortuna non si è fatta nulla.

17 ottobre 2012

27

E' passata una vita da quando una delle prime blogger che avevo incominciato a seguire ha lasciato la blogosfera scrivendo una citazione che più o meno diceva "non scrivo più perché sto vivendo e sono felice".
Talmente tanto tempo che non mi ricordo più nemmeno bene la citazione, figurarsi l'autore.

Però per me è esattamente il contrario: se son triste o giù di corda magari avrei anche qualcosa da dire ma non ho voglia e non riesco a scriverlo, se son contenta magari ho anche tante cose da fare e poco da dire ma  anche solo una cavolatina mi piace scriverla. 

Ora sono in uno di quei periodi in cui non ho tanta voglia, in cui tendo a vedere il bicchiere mezzo vuoto. In cui vedo meglio le cose che non ho rispetto a tutte quelle che ho. E che lo so che sono tante!
E quando le scorgo mi prende la paura di perderle.

Oggi però è il mio ventisettesimo compleanno, che è un numero che mi fa paura, che tende vorticosamente verso i trenta.
Stasera quando soffierò le mie candeline guarderò bene che cosa stanno illuminando e poi soffierò forte forte  sul fumo, che quando le luci si riaccenderanno voglio scartare tutti i regali che la vita mi sta dando o almeno provarci sul serio...

Buon compleanno Federica!!


14 ottobre 2012

L'era glaciale 4

L'era glaciale 4 è un film divertentissimo: le risate sono assicurate e qualcuno ha detto che la mia si riconosceva in sala.

Ci sarebbe da aprire una parentesi sull'inutilità del 3D in questo film e su quanto io lo trovi abbastanza fastidioso, ma non posso perdermi in chiacchiere perchè ho trovato il mio alter ego. 

Anzi no, ho trovato il mio vero antenato e solo ora capisco tante cose.
Voi altri indubbiamente discendete dalle scimmie come diceva Darwin ma io... io discendo da un bradipo!!
Imbranata quanto basta per uscire viva dai guai senza accorgersi di nulla, acida senza pudore, rompiscatole, amante di animali di tutte le dimensioni? Sì sono io, Nonnina!! Son passati i millenni, ho perso (un po') di pelo ma i tratti salienti della nostra specie si sono conservati tutti!

"Vecchia io? Vi seppellirò tutti e danzerò sulle vostre tombe"

11 ottobre 2012

I biscotti del Maiale

Finalmente settimana scorsa è cominciato Ris, avvincente ed inquietante come da tradizione.
E abbiamo cominciato a vederlo a casa di Ila e, per non presentarci nuovamente a mani vuote, ecco cos'ho prodotto ieri sera: un maiale sporcaccione di pasta frolla e cioccolato. Poi ci sarebbero stati anche degli altri maialini ma son rimasti a casa perchè son stati  un po' troppo nel forno ed erano color cioccolato già di loro.

La ricetta è sempre di Giallozafferano (Sonia che farei senza di te!!).

E se vi state chiedendo il perché con tutte le belle formine che ho a casa mi son messa produrre porcellini in serie... è per commemorare la risata inquietante del fu-Maiale-vittima del Lupo.


08 ottobre 2012

sorpresa d'ottobre

Con questo post partecipo all'iniziativa di Marco Foglie sulla neve: l'obiettivo è sopravvivere all'autunno focalizzandoci su delle cosette carine che ci succedono quotidianamente.

Ieri pomeriggio son andata a una fiera in un paese vicino al mio con il chiaro e solo obiettivo di mangiare le prime caldarroste della stagione
ed invece c'era talmente tanto sole che ci siamo mangiate l'ultimo (?) gelato dell'anno!

E poi mia sorella al banco di beneficenza ha vinto uno stendino... e ce lo siamo portate a casa a piedi :)

Una domenica d'ottobre ricca di sorprese inaspettate!

05 ottobre 2012

30 giorni Harry Potter #9

LA TUA CITAZIONE PREFERITA


Occorre notevole ardimento per affrontare i nemici ma molto di più per affrontare gli amici.
[Albus Silente]

Che fatica doverne scegliere solo una!!

La puntata precedente:
#8 Il film che ti è piaciuto meno

03 ottobre 2012