05 settembre 2014

I simboli dei miei viaggi

Questo senso dei miei viaggi nasce di corsa: Audrey è passata a salutarmi sul blog e mi ha ricordato che la scadenza di questo appuntamento è OGGI. Lo avevo rimosso, mannaggia a me, E allora ho pensato che dovevo trovare assolutamente il modo di rimediare, ovvero scrivere velocemente il mio post e con le foto che ho. Mannaggia, mannaggia a me. Vi ricordate infatti che avevo deciso che in questo anno tutti i sensi dei miei viaggi sarebbero stati solo e solamente argentini?
Ecco quindi i tre simboli dei miei viaggi, quelli che mi ricorderanno per sempre questo viaggio lunghissimo ai piedi delle Ande:

I bambini
Lavoro tutti i giorni con i bambini. Non è stato facile guadagnarsi un po' di rispetto e un po' di fiducia, All'inizio soprattutto mi sembrava un incubo! Ora non è che sia tutto rose e fiori eh! Ci sono giorni in cui torno distrutta e con istinti omicidi, ma questo lavoro mi piace un sacco. E so che quando guarderò i disegni, più o meno spontanei, che mi stanno regalando mi verrà una grande malinconia. Anzi, già all'idea di lasciarli mi viene da piangere.

Asado
Il mio futuro me lo immagino da vegetariana: ho passato 10 anni della mia vita a sentirmi dire "non sai cosa ti perdi" quando rifiutavo un pezzo di carne, ora posso dire che sì la carne è buona ma non è poi così buona come me la ricordavo. Quello che è indubbio è che quando sentirò profumo di grigliata non penserò quello che penso qui ogni santa domenica "eh che palle stanno di nuovo facendo sto asado", ma mi verrà la nostalgia.

Bianco celeste
Quando vedrò una bandiera argentina ovviamente penserò all'Argentina. Penserò a tutte i modi in cui ci si può dipingere una bandiera in faccia per un mondiale, alle bandierine sui finestrini delle auto, alle vetrine completamente bianco celesti e a tutto il patriottismo di cui è infarcita questa nazione.

9 commenti:

Audrey Borderline ha detto...

Ciao Fede,
grazie per aver partecipato ;)
Mi spiace che tu abbia fatto tutto di corsa, però sono felice di vedere che sei tra noi, ci tenevo alla tua partecipazione perchè ero sicura che ci avresti parlato di questa bellissima esperienza e dell'Argentina. Grazie ancora ora condivido e scelgo foto :)
un abbraccio e buon week end

Sara ha detto...

ti resterà sempre nel cuore quest'esperienza!

Carmine Volpe ha detto...

gran bei pensieri intorno al viaggio

Kylie ha detto...

Bei ricordi.

Bacio e buona domenica!

Lila ha detto...

Non me ne vogliano i bambini e il biancoceleste, ma l'asado ha vinto! :D

UIFPW08 ha detto...

Ci sono momenti nella ns. vita che rimangono per sempre. Ciao Fede
Maurizio

Elio ha detto...

Ciao Federica, grazie per le tue visite, malgrado la mia assenza, comunque giustificata.
Oltre a tutto quello che dici dell'Argentina resta anche il fatto che ha dato un Papa molto amato sin dall'inizio. Sinceramente, anche se non sono un baciapile, anzi, forse all'opposto, lo trovo una persona che farà del bene alla Chiesa. Un amichevole abbraccio e complimenti anche per gli altri post.

Silvia ha detto...

Ma che brava che sei stata! Io invece è più di un mese che mi scervello per questo post e alla fine ho dovuto saltare, non sono riuscita a trovare niente di niente... :-(

Norma ha detto...

Hai fatto in fretta e furia ma ti è venuto benissimo.
Adoro l'Argentina, ci sono stata solo una volta ed ho visitato solo Buenos Aires e Cordoba ma mi sono rimaste nel cuore, mi ricordo ancora il profumo dell'asado (sono una carnivora convinta, mi spiace per le amiche vegetariane ma non cambierò, ne mangerò solo meno) il mio cruccio era che mi portavano la carne stracotta.
Mi hai fatto venire in mente tanti ricordi.
Ciao
Norma