20 luglio 2015

Terra del fuoco e il trenino della Fin del mundo

Terra del fuoco è il primo racconto dell'omonimo libro di Francisco Coloane e protagonista è il terribile quanto leggendario Julio Popper, un cercatore d'oro con la fama di essere cattivissimo e pronto a tutto pur di difendere le terre in cui aveva trovato dei giacimenti. Si dice che si fosse proclamato Re e impiccasse chiunque volesse entrare nei suoi terreni. Anche con gli indios non ci andava  leggero e si narra che pagasse ogni cacciatore di indios in base a quante coppie di orecchie di indios gli portassero.
In realtà Stefano Malatesta in una sua indagine smonta questo mito e spiega come fosse molto meno matto e molto meno crudele di molti altri, ma per una serie di coincidenze sia diventato la personificazione di un personaggio cattivissimo e la sua leggenda sia andata autoalimentandosi fino a creare un vero e proprio mostro.

--------------------

La Terra del fuoco aveva una fama tremenda anche perché è stata una prigione a cielo aperto per mezzo secolo, fino a quando nel 1947 Peròn la chiuse. Con il Trenino della fin del Mundo si percorrono gli ultimi 7 km del percorso che facevano i carcerati per andare a tagliare legna.
treno-ushuiaia-terra-del-fuoco
Il Trenino più a sud del mondo
Avevo letto su internet che era una cosa estremamente turistica, ma pensavo di poter vedere scorci molto particolari che non sarebbero stati visibili dal normale pullman, E così ho buttato speso una trentina di euro per salire su un trenino con audioguida (in italiano) che spiegava quale fosse la vita che facevano i carcerati relegati in queste terre desolate: per esempio si dice che una delle punizioni più dure fosse privarli della possibilità di andare a lavorare fuori al freddo e lasciarli al freddo nelle prigioni congelate!
trenino-ushuaia
Ferrocaril Austral Fuegino
La verità è che io mi aspettavo dei paesaggi mozzafiato, unici al mondo, imperdibili ma la Terra del Fuoco, per quel poco che ho visto, è, almeno d'estate, qualcosa di estremamente ordinario.
L'unica cosa fuori dalla norma sono i tronchi tagliati dai carcerati ed in base alla loro altezza di può capire se quell'area era stata deforestata d'estate o d'inverno: gli alberi venivano tagliati all'altezza della neve e quindi là dove i tronchi son più alti significa che i detenuti son passati in inverno.
alberi-tagliati-terra-del-fuoco
Le tracce deò lavoro dei detenuti della colonia penale di UShuiaia
Con il trenino si arriva fino alle porte del Parco Nazionale Tierra del Fuego, dovei sarei potuta arrivare comodamente anche con il pullman e spendendo meno. Qui ho poi scoperto che cosa avevano pensato di fare questi furboni argentini quando si son resi conto che non potevano continuare a tagliare gli alberi in modo selvaggio... ma ve lo dico nella prossima puntata:)
mappa-parco-tierra-del-fuego
Parco Nacional Tierra del Fuego

8 commenti:

Sara ha detto...

Immagini e pensieri dall'altro capo del mondo!ragazza preziosa!

Serena Chiarle ha detto...

Uh che peccato :(
Anche io me la immaginavo come un posto spettacolare la Terra del Fuoco...

Enzo Chiara ha detto...

Ma dai davvero ? cavolo non avrei mai creduto ...

Elena Boreggio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Elena Boreggio ha detto...

No che delusione!! E io che credevo che fosse indimenticabile e con viste panoramiche mozzafiato.. ok prendo nota!

Silvia ha detto...

In effetti dal nome prometteva molto bene... Purtroppo a volte si prendono delle fregature anche in vacanza! Va beh dai capita, attendo la prossima puntata!

UIFPW08 ha detto...

Davvero un posto meraviglioso..

Francesca_Senza Zucchero ha detto...

Mi è crollato un mito, ma grazie: i blogger servono (anche) a questo..