27 settembre 2017

Chilean Electric

Finito di leggere Chilean Electric di Nona Fernandez mi sono soffermata a guardare la copertina e sono stata proprio soddisfatta: è raro trovare una copertina che rifletta e contenga davvero tutti i dettagli del contenuto di un libro. Grazie a Claudia che mi ha prestato questo bel libro!


Non capita spesso di trovare un romanzo ambientato in un unico posto così circoscritto: siamo in Plaza de Armas, cuore di Santiago del Cile.
E' una Plaza de Armas diversa da quella che ho visto io: è una piazza sempre buia, per un motivo o per l'altro.
Nona Fernandez racconta di una Santiago del 1883 dove per la prima volta con grande stupore di tutti i presenti arriva l'energia elettrica e di una Plaza de Armas teatro dei violenti scontri durante gli anni bui di Pinochet.
Santiago del Cile, vista dal Cerro Santa Lucia
In un centinaio di pagine l'autrice ripercorre più di un secolo di storia, partendo dai racconti di sua nonna, passando a quello che si ricorda degli anni della dittatura, alla guerra dell'Oceano Pacifico fino ad arrivare ai giorni nostri quando in tv passa una partita di calcio tra Cile e Perù.

La città che ho visto io è una città differente: è luminosa, dove gli edifici storici vanno a braccetto con costruzioni estremamente moderne ed è tutta un cantiere. [ho guardato più volte le foto del Cile e non riuscivo a capire come mai non ne avessi manco una in Plaza de Armas, poi mi sono ricordata che la Cattedrale era tutta transennata perché in ristrutturazione].
E' una città dove le ferite della dittatura si stanno cicatrizzando con tutti i problemi che ne conseguono, dove c'è un Museo della Memoria grande quanto bello ed emozionante, ma c'è una classe dirigente che ha fatto affari con la dittatura e ne ha preso solo formalmente le distanze.
La Fernandez parla di tempi in cui Salvador Allende era solo una voce, perché nessuno poteva tenere in casa una sua immagine: erano anni bui. Oggi il suo viso compare su tanti murales sparsi per il paese: è un Cile che sta tentando di rielaborare la sua storia anche con l'arte e la lettaratura.
Murales a Valparaiso.
Fonte Pinterest

Questo libricino è stato un tuffo in una città che tanto ho amato, dove ho lasciato un pezzo importante del mio cuore.
Forse è per questo che non sono riuscita ad apprezzarlo al 100% o forse perché più che un romanzo breve a me è parso un racconto lungo e a me i racconti non piacciono molto.
Se amate la storia del Cile è una lettura breve e non potrà che arricchirvi: dategli una possibilità. Io nonostante tutto non me ne sono pentita.

4 commenti:

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Molto interessante!
Ti auguro una serena e felice giornata.

UIFPW08 ha detto...

Rivivere ottimi ricordi aiuta.Sicuramente un libro da leggere
Un abbraccio Federica
Maurizio

Carmine Volpe ha detto...

Grazie dell'approfondimento sul libro

Silvia Pareschi ha detto...

Il Cile mi affascina tantissimo! E hai ragione, la copertina del libro è proprio bella. Non è una cosa che capita di trovare spesso.