16 ottobre 2018

Le biblioteche dei miei viaggi - Riga e Tallinn

Ho preso l'abitudine quando viaggio di controllare se ci sono delle biblioteche meritevoli di essere visitate: a volte ho delle bellissime sorprese come a Liverpool e Manchester, altre volte come a Lubiana non ho trovato niente di che.
Andare a vedere quelle di Riga e di Tallinn, molto diverse tra di loro, fa sicuramente parte delle esperienze positive!

La Biblioteca Nazionale Lettone di Riga
Per arrivare alla Biblioteca Nazionale di Riga bisogna uscire dalla città vecchia e attraversare il fiume Daugava: già solo questo merita perché la città vecchia con tutte le sue guglie vista da un altro punto di vista è affascinante.
Riga-città vecchia-guglie
La città vecchia di Riga
All'interno della biblioteca non sono riuscita ad entrare per una questione di orari, ma anche vista da fuori merita.
La Biblioteca ha un'architettura ultramoderna, che non ci azzecca nulla con l'architettura della città vecchia e nemmeno con quella sovietica delle vie vicine.
riga-città-moderna
Le strade vicino alla Biblioteca di Riga
In realtà questa biblioteca è assolutamente coerente con la storia di Riga perché rappresenta un Castello di luce. Un'antica leggenda lettone racconta di un castello che sarebbe stato sommerso quando arrivarono i secoli bui e sarebbe riemerso solo quando la Lettonia avrebbe ritrovato luce e libertà. La Lettonia è indipendente dal 1991 e la Biblioteca è stata inaugurata nel 2014.
biblioteca-vela-lettonia
La Biblioteca - Castello di Luce

La Biblioteca Nazionale Estone di Tallinn
Anche la Biblioteca di Tallinn si trova appena fuori dal centro della città vecchia ed ha una storia un po' meno leggendaria rispetto all'omologa lettone.
Quando la si guarda da fuori si capisce che è più vecchia di quell'altra: la struttura non ricorda una vela, ma è bella pesante ed imponente come i mostri che creavano i russi.
Sembrano costruite in epoche lontanissime ma quella di Tallinn è stata iniziata quando c'erano ancora i sovietici ma è stato il primo edificio inaugurato nell'Estonia indipendente: come è cambiata la vita in 20 anni!
biblioteca-tallinn
La biblioteca di Tallinn
Vale la pena di andare fino lì per guardarlo dall'esterno? Assolutamente no perché è orribile.
Ma dentro invece sembra un altro mondo: invece di essere quell'ammasso di cemento che si vede da fuori, dentro sembra quasi di stare in un castello dove è possibile librarsi (e liberarsi) in alto.
tallinn-insolita
L'interno della Biblioteca di Tallinn

Salite fino all'ultimo piano e godrete di una bella vista sulla città, non la migliore ma assolutamente la più inaspettata!
tallinn-vista-dalla-biblioteca
La vista dall'ottavo piano della Biblioteca di Tallinn

9 commenti:

UIFPW08 ha detto...

Ottimo reportage, Complimenti Federica
Il mio bbraccio
Maurizio

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Un bel viaggio.
Sereno giorno.

MikiMoz ha detto...

Quella di Tallin tutto ispira tranne che leggere... sembra un campo di concentramento.
Mentre quella di Riga è molto bella, moderna, luminosa.
Solo che poi i palazzi accanto sono ANCORA PIU' BELLI **

Moz-

Betty ha detto...

Io faccio lo stesso quando viaggio, ti consiglio la biblioteca di Amsterdam, una meraviglia affacciata sul mare con un buonissimo ristorante self service (anche Biologico) sul tetto e una magnifica terrazza dove pranzare

Ciao

Betty

PS: Quando siamo stati lì mio figlio adolescente ha brontolato:"Se dico agli amici che sono stato ad Amsterdam e sono andato alla biblioteca...meglio se sto zitto"

www.travelgudu.com ha detto...

Gran bel post e gran belle ispirazioni di viaggio.

Grazie

Silvia Pareschi ha detto...

Ah, ma che bella idea, mi sa che te la copierò!

Natascia ha detto...

Devo prendere anche io l'abitudine di cercare se ci sono delle biblioteche nei miei viaggi. Mi dai sempre degli ottimi spunti.

babalatalpa ha detto...

Da questo punto di vista, siamo molto simili: esplorando biblioteche e librerie! Quante cose ci raccontano di una città, vero?
Comunque, più ne parli e più mi vien voglia di organizzare questo viaggetto da anime baltiche...

Icaro ha detto...

È un punto di vista sicuramente originale per conoscere la storia di un luogo che si visita. Sai dove è la nostra? In in edificio che ospitava la vecchia "posta dei cavalli". Siamo un paese giovane, nato dalle case dei pescatori dove la gente passava e faceva giusto risposare il cavallo!