30 dicembre 2008

Colori

Oggi son venuti a trovarci i bimbi e per tutto il pomeriggio ci siamo divertiti a colorare. E dopo anni (molti anni) mi son messa a colorare: la Sirenetta.
E devo dire che qualche piccola soddisfazione LaFrancy me l'ha data: prima ha voluto colorare disegni delle Winx e di quella scema di Aurora, poi però ha notato che il mio disegno era venuto decisamente bene e quindi mi ha detto "MadryFefj me ne stampi uno uguale come il tuo che voglio colorarlo pure io così?"... piccole soddisfazioni!

A suo tempo però io odiavo colorare. Ho fatto una settimana di asilo e tra le cose più terribili che ricordo di quei giorni tutt'altro che piacevoli c'è pure 'sto colorare. La suora pretendeva che colorassi bene, dentro le righe e senza lasciare i puntini bianchi. Ma che barba! io non ero abitata a farmi gestire i tempi: a casa mia se volevo colorare coloravo, se volevo giocare giocavo. Quindi non capivo proprio perché dovessi stare lì seduta a colorare per tanto tempo se volevo magari giocare con qualche bambola, con il risultato che nel giro di 5 minuti consideravo il mio disegno belle che fatto.
Potremmo anche ricamare un po' sul fatto che già all'epoca non amavo colorare in modo uniforme e stare dentro i confini visto che nei giorni seguenti (quelli che misero definitivamente la parola fine al mio stare all'asilo) guidai una rivolta contro la Suora Cattiva. Ma lasciamo perdere, mi sembra un po' forzato.
Preferisco raccontarvi questo che vi farà capire che sono psicologicamente poco equilibrata fin dall'infanzia!
Per tutti gli anni delle elementari le maestre avevano continuato a sgridarmi perché io e il colorare non andavamo proprio d'accordo: mi scrivevano sempre Colora meglio sotto i disegni.
Me lo ricordo come fosse ora, facevo quinta. Porto alla maestra il quaderno in cui avevo finito di fare il tema sull'autunno. Avevo disegnato mia nonna che rastrellava le foglie.
La maestra R. mi guarda e mi dice "Vedi un po' cosa ti ho scritto" e sul quaderno c'era scritto "Ottimo e bellissimo disegno, brava!".
Sono scoppiata a piangere con i singhiozzi che non riuscivo più a parlare. Quindi neanche a spiegare che non piangevo perchè ero stata cazziata, ma piangevo di gioia!

8 commenti:

Ma|Be ha detto...

na na na na nanaaaaa... BACIALA....
mi hai fatto venire in mente il cartone.. era quella la canzone di Sebastian no?? ehhhhhhhhh... l'infanzia...

ciao donnina che come me è pigra e non si asciuga i capelli... :P
un abbraccioooooo!

ahahahah! concordo con la storia della BELLADDORMENTATA.. anche a me è sempre "stata_in_culo".

Grissino ha detto...

Io ho sempre adorato disegnare, purtroppo non ne sono granché capace. Andavo bene in disegno tecnico. Odiavo la storia dell'arte per cui avevo tipo 8-9 in disegno tecnico e 6-7 in storia dell'arte. :-P

alfie ha detto...

buon anno, con la speranza che il tuo sogno si avveri!
un abbraccio
alfie

alfie ha detto...

buon anno, con la speranza che il tuo sogno si avveri!
un abbraccio
alfie

AndreA ha detto...

Beh, allora che il 2009 per te possa essere un bellissimo disegno!! ;-)

Un abbraccio ... ;-)

Sara ha detto...

Concordo con andrea...sai,sono una disegnatrice io...;-)

intelligence ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Lunga ha detto...

sai che non ci avevo mai fatto caso?! questa immagine che hai messo era il simbolo di un progetto seguiro al mio vecchio lavoro!