18 maggio 2009

Fiera del Libro





Venerdì pomeriggio sono andata alla fiera del libro, approfittando dell'occasione per andare a sentire la presentazione di mia madrina del libro a cui ha collaborato: Abracadabra Lucertolina, una raccolta di fiabe e filastrocche sulla dislessia e altri Disturbi Specifici dell'Apprendimento [per chi fosse interessato ad approfondire questo è il suo blog]






Mentre che aspettavo che iniziasse la sua presentazione e aspettavo i miei (che sono arrivati con un tempismo perfetto, cioè esattamente in cui Cris ha smesso di parlare e ha passato il microfono a un'altra relatrice) e mia sorella&Matteo che sono arrivati ancora dopo ho pensato che non potevo perdermi Cesare Cremonini che era a pochi metri da me e che presentava il suo libro. certe cose a volte è meglio non vederle, è meglio mantenere il ricordo che se ne aveva! Oh come vorrei ancora negli occhi il Cesare che avevo visto 9 anni fa... no, ma quanto è brutto?!?!? è completamente stempiato poverino!!!



Ma meglio rimuovere questo pensiero orrido e passare a spiegarvi perché non mi piace la Fiera del libro.

Posto che io adoro leggere e se mi mollate dentro una libreria di sicuro torno a casa con qualcosa, ecco quali sono i 3 motivi per cui sono tornata a casa con le mani quasi vuote (ho comprato solo un libretto per il cuginetto del Capo che domenica compie 4 anni):

  1. mi sembra inutile comprare un libro di una casa editrice grossa alla fiera (tipo mondadori, feltrinelli, giunti, einaudi ecc) perché quelli li posso trovare con facilità ovunque;
  2. posto che ho un vincolo di bilancio da studentessa taccagna non è che potessi proprio comprare a man bassa;
  3. posto che soprattuto ho qualche vincolo di tempo e che quindi non mi posso caricare di libri per prendere la polvere

... e alla fine indecisa come sono in mezzo a quella marea di pagine continuavo a dire "prendo questo... anzi no... guardo se c'è qualcosa che mi piace di più e poi magari torno" e alla fine non sapevo più cosa mi piacesse o meno e son tornata con le pive nel sacco.

.... Maledetta indecisione!!

5 commenti:

Carlo De Petris ha detto...

Condivido le tue considerazioni, specialmente il vincolo di bilancio ._.

La Lunga ha detto...

io invece avrei voltu andarci e qualcosa avrei portato via di sicuro perchè ho deciso di infrangere la mia regola "i libri solo in biblioteca" per un tot di titoli che lì non ci sono e prevedo visto l'aggiornamento non ci saranno per i prossimi ventanni e per di più nella libreria di paese sono ancora più retrogradi!

Suysan ha detto...

Io mi perdo già in una semplice libreria ...penso che alla fiera del libro potrei anche starci dei giorni!

Pupottina ha detto...

eheheheheheheh
quando ci sono tanti libri, l'indecisione fa sempre brutti scherzi e si finisce per acquistare il libro meno interessante... eheheheh
buon martedì

«°*°♥*SERENA*♥°*°» ha detto...

Ah,guarda...entrare in libreria per me è una tragedia...ti spiego...se ho già un titolo parto in quarta, lo prendo e via alla cassa...ma se entro e devo scegliere esco SEMPRE, ma SEMPRE a mani vuote...incredibile! Sono indecisissima!! Però posso dire che le rare volte che mi sono lanciata solo basandomi sul titolo, ho fatto sempre centro...il libro mi è piaciuto...ultimo caso è stato con un libro che conoscerò solo io (ma che è stato piacevolissimo da leggere) di GIULIA CARCASI - "MA LE STELLE QUANTE SONO"...leggi qui la recensione e magari...la prossima volta...

http://www.feltrinellieditore.it/SchedaLibro?id_volume=5000402