10 aprile 2014

aggiornamento libri

Mi son portata dietro il Kobo, con cui non ho stretto amicizia ma sto migliorando i rapporti.

Dopo qualche piccolo racconto è stata la volta del mio primo ebook: Biglietto di terza classe (qui trovate la mia recensione) di Silvia Pattarini, un'autrice emergente (qui invece c'è l'intervista che le ho fatto). E' un libro interessante, soprattutto se si ama la storia: è talmente ricco di dettagli che io pensavo che l'autrice di professione fosse una storica.

Kobo però si è impallato, il bastardo. La batteria durava qualche ora, non riuscivo più ad accenderlo e faceva il matto: insomma prima di partire sono andata a cambiarlo e questo funziona. Ha comunque delle pecche: il touche screen è lento, soprattutto per iniziare. Leggere un libro vero per me è tutta un'altra avventura, ma devo ammettere che è comodo soprattutto ora che sono lontana da casa.
Le cover originali erano carissime e bruttine: io ne ho trovata una molto carina su internet (marca Gecko) ad un prezzo molto più abbordabile, ma non ha lo spegnimento automatico e per essere perfetta avrebbe bisogno di un elastichino in più per non farlo scappare quando leggo nel letto stesa su un fianco. Sono comunque soddisfatta di questo acquisto.
Sto leggendo Jane Eyre su consiglio di Strawberry, ma non mi prende molto per il momento. E poi in questa casa fino a fine mese siamo in 9 e quindi anche ritagliarsi dei momenti per leggere in santa pace non è così semplice. 

Per andare a lavoro abbiamo un quarto d'ora di autobus e nello zaino mi scarrozzo un libricino che mi ha prestato il tutor, nella speranza che apprenda lo spagnolo: Cronaca di una morte annunciata. Ovviamente di protarmi dietro l'ereader non se ne parla proprio perché qui hanno la mano lesta e tutto quello che è tecnologico fa molta gola: per intenderci giro con il cellulare nel reggiseno.
Anche qui la lettura procede a rilento...

Ieri son entrata in una libreria in centro per vedere quanto costavano i libri: e costano tantissimo! Cioè, costano poco meno che da noi ma lo stipendio di un'insegnante è sui 3000-3500 pesos, quindi 300-350 euro. Ma la cosa che più mi ha colpito è che non ci fossero i prezzi stampati sulla quarta di copertina: abbiamo quindi chiesto al commesso il prezzo e lui ci ha detto che doveva controllarlo su internet perché cambia in continuazione.... gli effetti dell'inflazione!





13 commenti:

Strawberry ha detto...

Che roba...O.o
cmq Jane eyre, non so a che punto sei, ma se sei ancora all'infanzia, è diciamo normale... o almeno spero ti prenda più avanti!
Cronica de una muerte anunciada è meraviglioso!

MikiMoz ha detto...

Jane Eyre la odio con tutta l'anima XD

Moz-

Audrey Borderline ha detto...

bello Jane Eyre, all'inizio parte un po' lento ma poi prende, almeno con me è stato cosi
buon week end

Audrey Borderline ha detto...

bello Jane Eyre, all'inizio parte un po' lento ma poi prende, almeno con me è stato cosi
buon week end

Maruzza ha detto...

Cronaca di una morte annunciata è un bellissimo libro!
Per adesso rimango strenuamente legata alla carta...in futuro chissà!

Kylie ha detto...

Io sono legata ai libri. Jane Eyre ti prende solo dopo un po'.

Baci e buon fine settimana!

minerva ha detto...

jane eyre è fantastico, davvero. A me ha preso subito, però... :)

Carmine Volpe ha detto...

non ci posso crfedere cambiano i prezzi per l'inflazione continuamente

Silvia ha detto...

Dalle tue vicende quotidiane sto imparando un sacco sull'Argentina! Scusa, ma quando ricevi una chiamata cosa fai, cominci a ravanare sotto la maglietta? :-)

Federica ha detto...

@silvia: ecco un'altra cosa sconsigliabile... rispondere al telefono in certe zone!

MagicamenteMe ha detto...

Jane Eyre è meraviglioso non demordere.

Bene quando il mio ebook deciderà di lasciarmi NON prenderò il Kobo ;)

MagicamenteMe ha detto...

Jane Eyre è meraviglioso non demordere.

Bene quando il mio ebook deciderà di lasciarmi NON prenderò il Kobo ;)

MagicamenteMe ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.