25 giugno 2014

Estela Carlotto - una nonna di Plaza de Mayo

Se la biografia su Estela Carlotto, scritta da Javier Folco, fosse stata un libro cartaceo ora sarebbe pieno di orecchie, sottolineature, punti esclamativi e punti interrogativi: sarebbe un libro vissuto. (Invece io l'ho letto come ebook e quindi ho messo dei segnalibri e sottolineato qualcosa, ma non è la stessa cosa)

Tanto tempo fa, forse andavo ancora al liceo, avevo letto Le irregolari di Massimo Carlotto e avevo scoperto che c'erano dei ragazzi che erano stati rapiti da neonati e affidati alle famiglie degli assassini delle loro madri. Ma non in un tempo lontano, giusto qualche anno prima che nascessi io. Piacere di conoscerti Argentina. Mai avrei pensato che qualche anno dopo sarei andata a Buenos Aires e avrei visto quella piazza e avrei conosciuto alcune delle madri. Mai e poi mai avrei immaginato che mi sarei ritrovata a vivere un anno in Argentina.

Ora mi è capitato tra le mani Estela Carlotto - una nonna di Plaza de Mayo (QUI trovate la mia
recensione ufficiale) mi son tornate in mente quelle sensazioni. E se Le irregolari era un libro che appunto mi aveva emozionato ed indignato,, questa biografia mi ha fatto riflettere, contestualizzare i fatti e capire un po' di più questo paese che mi sta ospitando.

Sapevo il perché il simbolo delle nonne e della madri era un fazzoletto bianco, ma non sapevo perché il movimento fosse composto solo da donne: i militari non le consideravano un pericolo, solamente delle
pazze, e le lasciavano girare intorno all'obelisco di Plaza de Mayo. La stessa cosa non sarebbe stata lasciata fare ai loro mariti. Questa è una storia che racconta non solo l'orrore di un piano sistematico di sequestro di bambini, ma anche come le donne quando sono determinate ed unite riescono ad ottenere risultati importanti, se non addirittura impensabili.

Questo non è un libro di storia, ma è un libro di testimonianze molto ben contestualizzate: non è una lettura pesante ed è fruibile anche da chi non sa nulla di storia argentina. Per chi invece si è già interessato all'argomento è importante che sappia che non è la riproposizione di quello che già si è letto in altri libri, ma offre un punto di vista originale sulla questione desaparecidos.

Si stima che i bambini rapiti siano stati 500 e solo poco più di un centinaio son stati ritrovati e, ovviamente, per questi giovani non è stato facile accettare di avere una storia personale così contraddittoria: i genitori che li avevano cresciuti con amore fino a quel momento in realtà erano complici degli assassini delle loro madri. E' una cosa sconvolgente!

Mentre leggevo questo libro mi son venute in mente mille domande e qualcuna l'ho fatta a Javier Folco, l'autore, e QUI trovate la mia piccola intervista.

Ammetto che quando ho letto che cosa pensa di dire Estela Carlotto, che ha 83 anni, quando ritroverà Guido, il nipote che non ha mai conosciuto, mi son commossa. Però non ve lo svelo perché è un libro assolutamente da leggere!

9 commenti:

Claudia ha detto...

Bellissima recensione! Io lo leggerò di sicuro (anche se la lista dei libri da leggere sta diventando infinita!!!)

Silvia ha detto...

La faccenda dei desaparecidos mi ha sempre incuriosita, anche se devo dire che non ho mai avuto occasione di approfondire l'argomento. E' una cosa sconvolgente pensare a questi bambini e alle loro famiglie. Sono contenta che tu abbia avuto l'occasione di fare un'intervista a Javier Folco, dev'essere stata una bella soddisfazione!

Lila ha detto...

La mia conoscenza storica dell'argentina si ferma a Evita Peron nel film con Madonna, quindi direi che non sto messa bene. Però la tua recensione mi ha incuriosito molto...

Dany M ha detto...

Non conoscevo, ma nutro da sempre forte interesse per l'Argentina!! Molto interessante ciò che scrivi, chissà che emozione intervistarla!

Kylie ha detto...

Sarebbe interessante leggere questo libro. Sono storie che non ho mai approfondito.

Buona giornata!

minerva ha detto...

Ciao!
http://www.ibs.it/code/9788850202362/vent-anni-luz/osorio-elsa.html
lui l'hai letto? Io l'avevo letto un po' di tempo fa e mi era piaciuto abbastanza tanto, anche se non lo definirei uno dei miei libri preferiti, non è scattato un feeling troppo forte. Però leggendo il tuo post mi è tornato in mente, e ho pensato... chissà se Federica l'ha letto!
Baci
Minerva



Censorina ha detto...

La settimana ora, in ora tarda, ho visto una fiction in TV con Virna Lisi che trattava l'argomento. Era un madre che va in Argentina a cercare il figlio della figlia desaparecida e lo trova (una ragazza) adottata da chi aveva (credo) ucciso la madre. Da questo filmato si evince che i colpevoli vengono presi e puniti, ma è stato veramente così?

Federica ha detto...

@minerva: grazie per il suggerimento

@censorina: Sì in Argentina sono stati processati i mandanti ed i colpevoli di questi reati tremendi. Ma conta che si stimano che i bimbi rapiti siano 500 e ne mancano all'appello circa 400: questa proporzione ti dà l'idea di quanto ancora ci sia da scavare!

Sara ha detto...

mi mancavano le tue recensioni, sei bravissima!