02 novembre 2009

Cara Federica

Cara Federica dirò come soffro
perché c' è dato tanto soffrire,
perché vediamo tagliare dalla terra
le nostre spighe migliori
anch' io ero una spiga che cresceva nei campi,
credi Federica
i poeti non sono seminati da alcuno
li porta il vento della primavera.
Oggi per la mia donna è un giorno di libertà
ma per noi prigionieri dell' arte
è un altro giorno di prigionia.
Non sono felice della mia morte
carissima Federica
eppure me ne dovrò andare
dopo aver perso la fede che era nei cuori dei miei amici.
Alda Merini

4 commenti:

«°*°♥*SERENA*♥°*°» ha detto...

Un caro saluto a questa donna che con le sue poesie ha dato tanto alla cultura e a noi lettori...

Maffy ha detto...

grazie Alda...

mina ha detto...

mi unisco a Maffi!! grazie alda!!

Franz ha detto...

Grande Alda,
sei e rimarrai nei cuori di tutti noi!