11 febbraio 2020

La frontiera. Un viaggio intorno alla Russia

Perché ho letto La frontiera di Erika Fatland?
Sovietistan, il primo libro dell'antropologa norvegese Erika Fatland, mi ha entusiasmato.
Ho atteso con grandi aspettative l'uscita del suo secondo libro: La frontiera. Un viaggio intorno alla Russia. 
Non vi pare un obiettivo folle quanto inebriante quello di viaggiare tutto intorno alla Russia?

La frontiera. Un viaggio intorno alla Russia
Viaggiare intorno alla Russia significa percorrere più di 20.000 km, 14 stati e un lungo tratto di mare.
Erika Fatland si lancia in questa impresa poderosa, viaggiando da sola per quasi un anno con il chiaro obiettivo di conoscere la Russia attraverso gli occhi e le ferite, alle volte non ancora cicatrizzate, dei suoi vicini di casa.


Le copertine:
Nel suo lungo viaggio Erika Fatland ha utilizzato ogni mezzo disponibile per passare da una frontiera all'altra: traghetti, aerei, macchina, autobus, renne, cavalli, kayak ed ovviamente tanti treni.
I francesi pongono in copertina il treno, facendo subito intendere che si tratta di un libro di viaggi ma perdendo così la specificità del viaggio intorno alla Russia.


Il treno compare anche sulle copertine polacche e norvegesi, ma è solo uno degli elementi della copertina e della ricerca dell'autrice: natura, architettura, politica, storia ed ovviamente sullo sfondo la Grande Russia.






De grens. Een reis door alle veertien buurlanden van Rusland. Wat betekent het om Rusland als buurland te hebben? Erika Fatland ontmoet onderweg eenzame meteorologen op de Nieuw-Siberische eilanden, sjamanen op de Mongoolse taiga en suïcidale taxichauffeurs in de Kaukasus, en verdiept zich in het leven, de geschiedenis en de cultuur van de Finnen, de Noord-Koreanen, de Georgiërs, en al die andere volkeren die zo van elkaar verschillen, maar de onontkoombare invloed van die ene, machtige buur gemeen hebben. @uitgeverijdegeus #uitgeverijdegeus #erikafatland #degrens #geschiedenis #actueel #maudjenje #instabook #bookstagram #booklovers #bookcovers #boekhandelbijleveld #utrechtseboekhandel #bookstoreutrecht #bookstorebijleveld #cityofliterature #whattoread #mijnboekhandel #mybookstore #stadhuiskwartier #universiteitskwartier #waarkoopikmijnboek
Un post condiviso da Boekhandel Bijleveld (@boekhandelbijleveld) in data:

I tedeschi hanno scelto la nostra stessa copertina, in linea di continuità grafica con il libro precedente dell'autrice. Effettivamente i richiami sono tanti e secondo me è una scelta azzeccata.
Nell'edizione tedesca però hanno scelto di elencare tutti i paesi toccati dalla scrittrice, mentre io adoro il sottotitolo "Viaggio intorno alla Russia" scelto da Marsilio: mi sembra che evochi gesta epiche!


La frontiera: la recensione
Il viaggio intorno alla Russia della Fatland è diviso in 4 sezioni, ognuna corredata da un'utile cartina per orientarsi tra i suoi spostamenti.
La prima è secondo me la più affascinante: il mare.
Ignorante come una capra, non sapevo bene cosa ci fosse "sopra" la Russia: la Fatland percorre in una specie di crociera questo lunghissimo confine e ci racconta di isole sperdute, di immondizia, di interessi economici mostruosi e di cambiamenti climatici.
Le terre di Francesco Giuseppe
Fonte: Sputnik news
La seconda sezione è dedicata all'Asia.
Si parte dalla Corea del Nord (e per chi ha seguito Sara Caulfield nel suo viaggio in Corea leggerà tante delle cose che lei ha raccontato) per arrivare fino al Kazakistan.
La cosa che più mi ha affascinato di questa parte di viaggio è stato il ritorno dell'autrice in Kazakistan, dove era già stata per scrivere Sovietistan. Mi ha colpito come racconti di un paese diverso da come lo aveva incontrato nel viaggio precedente e di come si renda conto che non è stata Astana, la capitale, a cambiare radicalmente, nonostante sia una città in continua costruzione, ma è lei stessa che ha un approccio differente.
Sembra ovvio ma non è scontato ammettere che il giudizio su un viaggio non è mai oggettivo: quanto incidono i nostri umori su quello che vediamo?
Astana, Kazakistan
Fonte: youmanist
La parte sul Caucaso è quella che per me è stata più interessante perché ne sapevo ben poco, a parte che lì è un gran casino. Ho avuto la conferma che effettivamente è proprio così: questo libro offre molti spunti per argomenti da approfondire.



Il monumento all'amicizia dei popoli di Russia e Georgia è stato inaugurato nel 1983 per celebrare il bicentenario del trattato di Georgievsk. Il grande murales di piastrelle raffigura scene della storia di entrambi paesi. Data l'attuale situazione geopolitica e le tensioni che vivono molti paesi del blocco ex-sovietico (tra cui la Georgia) nel rapporto con la Federazione russa, il monumento che vedete in foto acquista un sapore amaro. Soprattutto per i tanti georgiani che, ad oggi, si trovano a vivere in piccoli staterelli fantocci creati nel corso degli anni dalla Russia con tutti i mezzi a disposizione (ahimè anche la guerra, vedi il 2008). Un nota dolce: realizzato sulla strada per Kazbegi in un bellissimo punto panoramico della Valle del Diavolo, ricorderemo per sempre il panorama grazie ad un tramonto fantastico. Uno dei più belli mai visti fino ad ora! #iosonoGeorgia
Un post condiviso da Ale & Cecia Travel Blog 🌍 (@hesitantexplorers) in data:

Ultima parte dedicata all'Europa: si inizia in Ucraina dove le conseguenze di essere vicini di casa della Russia sono belle vivide fino ad arrivare alla Norvegia, che condivide solo un piccolissimo tratto di confine ed è l'unico paese confinante a non essere mai stato in guerra con la Russia.
In questa parte di viaggio la Fatland corre un po', forse perché la storia della Seconda Guerra Mondiale e della cortina di ferro sono decisamente più note al lettore europeo.

Minsk
Fonte: Touring Club
Il progetto è bello, ma il libro risulta troppo corposo e molto molto storico.
Sovietistan mi era parso decisamente più scorrevole, mentre La frontiera è davvero molto impegnativo.
La mia copia è tutta sottolineata e piena di appunti al margine: sicuramente se dovessi visitare uno dei paesi attraversati dall'autrice andrei a rivedermelo perché è un'ottima ed approfondita base su cui costruire un viaggio.
Il mio consiglio è però di leggerlo con calma, non tutto insieme perché il rischio è (scusatemi il gioco di parole) di ritrovarsi in testa una grande insalata russa!

fatland-secondo-libro

Autrice: Erika Fatland
(della stessa autrice ho letto anche Sovietistan, che mi è piaciuto di più)
Anno prima pubblicazione: 2019
Pagine:645
Dove: lungo tutto il confine russo!!!
A chi può piacere: a tutti coloro che amano i diari di viaggio e la geografia, purché amino anche la storia.
Un'altra recensione: Claudia de il giro del mondo attraverso i libri mi ha fatto conoscere questa autrice e ha letto prima di me La frontiera, condividendo con me i suoi pareri sulla lettura.



5 commenti:

Marco Poli ha detto...

Siccome appassionato di cose russe ( e sovietiche, ex-sovietiche ), ho apprezzato questa tua recensione del testo di un'autrice che ancora non conoscevo.

Ho una domanda da farti : il testo ha uno spin politico ? Ad esempio : pro, oppure contro il corso di V. V. Putin ?

===

Federica ha detto...

@marco: si parla di Putin tra le righe ed in modo esplicito.
Il testo è principalmente storico ma, soprattutto nella parte del Caucaso, è molto politico.
Credo possa piacerti!

Marco Poli ha detto...

si parla di Putin tra le righe ed in modo esplicito

Uh.
L'espressione che usi è ossimorosa ... immagino sia dipinto come il Grande Satana Imperialista ( e, incluso : sovranista, eccetera ), o qualcosa di simile ?

===

Marco Poli ha detto...

* fascista, eccetera.

Federica ha detto...

Essendo un testo principalmente storico, Putin ha un ruolo minore (ma non marginale) in questo racconto.
Viene presentata la sua politica "estera" (sempre che così davvero esteri i paesi ex URSS), ma non ci si sofferma sulla sua persona, soprattutto nelle zone più calde come nel Caucaso.
Se cerchi un libro su Putin non è questo il libro giusto,
se cerchi una lettura originale sulla Russia invece sì.