09 novembre 2018

2018 - 100 anni di indipendenza in Lettonia ed Estonia

Il mio amato Gaber cantava "Mi scusi Presidente, lo so che non gioite se il grido <<Italia Italia>> c'è solo alle partite". 
Io quando mi trovo all'estero di fronte ad espressioni troppo colorite di patriottismo mi trovo sempre un po' in imbarazzo, anzi proprio a disagio, perché io questo attaccamento alla bandiera proprio non ce l'ho!

Quando ad agosto dopo poche ore a Riga ho deciso di avvicinarmi ad uno di questi carretti dei gelati che sono ovunque in città non potevo/volevo credere ai miei occhi per quello che ho visto.
[Se non ho inserito questi gelati nel post su Cosa mangiare in Lettonia un motivo ci sarà!]
carretto-gelati-jurmala
Il carretto dei gelati superchimici lettoni
Ho visto con i miei stessi occhi un gelato al gusto Latvia, Lettonia. 
Un gelato rosso, bianco, rosso. Come la bandiera.
Credevo di aver visto il massimo quando vivevo in Argentina, ma là non c'era un gelato color bandiera (anche se forse il gelato era l'unica cosa di cui non c'era la versione bandiera).
Non mi sono osata chiedere di fotografarla, né tanto meno ho avuto il coraggio di assaggiarlo!
Stessa cosa a Tallinn: arrivo in una delle piazze principali e più bruttine della città (la Piazza della Libertà) e vedo questo enorme 18.
In ogni negozio vedo gadget con il "18".
piazza-grande-brutta-tallinn
1918 - 2018 Tallinn
E mi sono detta "Ooook gente, ma non la state prendendo un po' troppo sul serio sta cosa del centenario dell'indipendenza?".
Anche perché questa prima indipendenza è durata il tempo di un battito di ciglia: appena una ventina di anni e si ritrovarono con i tedeschi in casa, e poi di nuovo i russi.
Durante una delle visite guidate la ragazza del free walking tour ci ha fatto notare che le Repubbliche Baltiche, indipendenti dal 1991, stanno incredibilmente vivendo oggi il loro periodo più lungo di libertà ed indipendenza!

Ad essere nati dall'altra parte della cortina spesso noi diamo per scontato che vivere in pace e liberi sia una cosa facile.
Vivere in un'Europa in pace è stata una conquista: bisogna riuscire a mantenerla adesso. Adesso più che mai!

6 commenti:

Pietro Sabatelli ha detto...

Ma grazie, è facile con quella bandiera :D

UIFPW08 ha detto...

Meno male che si vive in libertà.
Un abbraccio Fede
Maurizio

MikiMoz ha detto...

Noi abbiamo avuto un ghiacciolo Algida tricolore, ma faceva cagare... XD

Moz-

Icaro ha detto...

Moz conferma quindi che il nostro tricolore è un po' farlocco!

Lorenzo ha detto...

E' meglio vivere in pace da schiavi o in guerra da liberi?

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Purtroppo gli ultimi eventi, vanno in maniera opposta.
Saluti a presto.