12 settembre 2009

... alla ricerca del biondo tartarugo corazzato...

Qualche giorno fa AndreA aveva pubblicato un post il cui contenuto era occhio e croce quello di apprezzare la semplicità delle piccole cose. E subito mi era venuta voglia di ascoltare la filastrocca di "per fare un albero" che dice che le cose di ogni giorno raccontano segreti a chi le sa guardare ed ascoltare. Mi piace questa filastrocca, l'avevo già postata.

LA cercavo su youtube per ascoltarla mentre facevo colazione e tra i video correlati ho trovato questa canzone di Bruno Lauzi, che avevo già ascolato ma non mi ero mai soffermata più di tanto sul testo.

Ascolatela, dà alcuni spunti su cui riflettere anche per i grandi e per chi grande lo sta diventando.







La bella tartaruga che cosa mangerà

chi lo sa

chi lo sa

due foglie di lattuga e poi si riposerà

ah ah ah ah ah ah

la tartaruga un tempo fu

un animale che correva a testa in giù

come un siluro filava via

che mi sembrava un treno sulla ferrovia

ma avvenne un incidente

un muro la fermò

si ruppe qualche dente

e allora rallentò

la tartaruga

dall'ora in poi lascia

che a correre pensiamo solo noi

perché quel giorno poco più in là

andando piano lei trovò

la felicità

un bosco di carote

un mare di gelato che lei correndo troppo non aveva mai notato

e un biondo tartarugo corazzato che ha sposato un mese fa!

La bella tartaruga nel mare va perché

ma perché

ma perché

fa il bagno e poi si asciuga dai tempi di Noè

eh eh eh

eh eh eh

la tartaruga

lenta com'è

afferra al volo la fortuna quando c'è

dietro una foglia lungo la via

lei ha trovato la per là

la felicità

un bosco d'insalata

un mare di frittata spaghetti alla chitarra per passare la serata

Un bosco di carote

un mare di gelato

che lei correndo troppo non aveva mai notato

e un biondo tartarugo corazzato che ha sposato un mese fa.

7 commenti:

Grissino ha detto...

La fretta é uno dei motivi per cui son venuto qui... a Milano si corre troppo.

Carlo De Petris ha detto...

"dall'ora in poi"

Una pesante licenza poetica per Bruno Lauzi :P

kekkasino ha detto...

me la cantava sempre mia mamma quando ero piccola!

Ki@rina ha detto...

Conoscevo due o tre parole ma in effetti nenmmeno io mi sono mai soffermata ad ascotarla bene..eh si semplice ma con il suo perchè
ciaooo!

katiu ha detto...

ahahaha io avevo il 45 giri di questa canzone!

Suysan ha detto...

la canticchiavo a volte a mio figlio senza averla mai ascoltata veramente...dice molto di più di quello che credevo

Franz ha detto...

Ecco, ora mi è entrata in testa e ci rimarrà per giorni...
Devo guardarmi attorno, magari trovo un biondo tartarugo!