09 gennaio 2019

Tigre - Buenos Aires

Buenos Aires è una città dai mille volti, così bella da levare il fiato.
E' anche una metropoli infinita in cui ho la certezza che non ci vorrei mai vivere, ma prima o poi ci tornerò come turista. Di Buenos Aires non ti puoi stancare mai!

Cosa vedere a Buenos Aires?
Questi sono solo alcuni dei posti di cui vi ho parlato in passato:


Se uno ha tempo di visitare Buenos Aires con calma, allora potrà organizzare una bella gita fuori porta. Noi eravamo state a visitare la cittadina di Tigre.
Tigre-fiume-Buenos-Aires
Tigre - Buenos Aires

Tigre si può raggiungere in tre modi:
- con il "treno della costa" che è il più turistico
- con il treno normale che parte dalla stazione centrale di Retiro e ci mette all'incirca 50 minuti
- con il battello ("la lancha") in un''escursione lungo il fiume Paranà (--> delle acque marroni del Fiume Paranà ve ne ho già parlato quando vi ho raccomandato di non andare a Rosario).

fiume-marrone-argentina
Le chiare fresche dolci acque del fiume Paranà a Rosario.
Ci fanno il bagno. Giuro.
La cittadina di Tigre di per sé non è niente di entusiasmante: è una cittadina elegante, ma non meriterebbe lo sbattone di uscire da Buenos Aires.
edificio-storico-tigre
Il club del Tigre. Oggi sede di un Museo
Quello che davvero la rende speciale è la visita delle palafitte: continua ad essere un posto estremamente elitario e anche queste casette sono case di villeggiatura nella maggior parte dei casi.
buenos-aires-tigre

Noi abbiamo scelto di raggiungere Tigre all'andata con il treno ed è stato davvero interessante: sembrava surreale vedere salire ad ogni stazione venditori di qualsiasi cosa (dalle merendine alle penne) per darsi il cambio.
Al ritorno invece abbiamo preso il battello turistico che ti fa fare il giro tra i vari isolotti e poi piano piano ti riporta a Buenos Aires, facendoti vedere la città che si avvicina dalla foce di un fiume che è davvero enorme!
battello-tigre-buenos-aires
Buenos Aires vista dal delta del Paranà
Insieme alla gita a Tigre viene spesso proposta la visita a San Isidro oppure in alternativa perché è decisamente più vicino a Buenos Aires: io San Isidro l'ho trovata  meno caratteristica e con davvero poco da vedere, fatta esclusione della Cattedrale e della Villa della scrittrice Victoria Ocampo.
san-isidro-ocampo
La villa di Victoria Ocampo 
 Molto più interessante è riuscire ad unire la visita all'Esma, che si trova nella stessa direzione di Tigre, e servirà per capire meglio che cos'è stata la dittatura in Argentina.


6 commenti:

Andrea Consonni ha detto...

La mia ex argentina me ne ha sempre parlato bene anche se non ci sarebbe mai tornata a vivere

Icaro ha detto...

Le ville sono veramente lussuose!

Pietro Sabatelli ha detto...

Bella certo, ma viverci mai e poi mai..

babalatalpa ha detto...

Buenos Aires è una di quelle città a cui no ho mai pensato troppo. Almeno fino a quando non ho letto Santa Evita. Ora, in questo tuo post, che mi riconduce ad altri post non letti in precedenza, mi torna in mente la libreria El Ateneo, di cui qualcun altro mi aveva già parlato ma che avevo rimosso. E sì, nella vita non bisogna escludere nulla: neanche un viaggio in Argentina! Bel post.

Federica ha detto...

@babalatalpa: e Purgatorio l'hai letto?

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Nei tuoi racconti di viaggio, si fanno tante scoperte.
Saluti a presto.