20 giugno 2018

Il peso dei segreti

Cercavo un libro "asiatico" e sono stata fortunata: sono andata praticamente a naso, scegliendo velocissima in biblioteca la mia prossima lettura, che avesse un nome che mi portasse ad est.
Il peso dei segreti di Aki Shimazaki è stato un modo molto toccante per conoscere qualcosa della storia di un paese di cui so poco e nulla: il Giappone.
Quando leggerete sull'aletta che questa è una pentalogia non fatevi prendere dal panico: è stato inizialmente pubblicato come 5 romanzi separati, ma la versione italiana di Feltrinelli li riunisce in un libro solo!

Dans cette saga composée de cinq courts romans centrés chacun sur un personnage différent, Aki Shimazaki nous donne à voir cinq facettes d'une histoire familiale. ✉ On y découvre le Japon du XXe siècle à travers plusieurs événements particulièrement tragiques. 🗻 La violence des chocs émotionnels est pudiquement révélée par un style épuré, simple en apparence mais à la forme très travaillée.🌹 Les titres, qui désignent des éléments naturels (fleurs, oiseaux, coquillages, lucioles), en sont un bel exemple : ils apportent un éclairage métaphorique sur le destin et la psychologie des personnages. 📚 Avec ses sublimes couvertures, ses protagonistes attachants et son écriture allant droit au but, j'ai dévoré et adoré cette série ! 😍 Je vous conseille de tracer un arbre généalogique pour ne pas vous perdre entre les générations. 😄 ↪ À lire absolument pour tous les amateurs de fresques familiales. Chaque tome se lit en 2 ou 3 heures, vous ne serez pas déçus ! 😀📘 #akishimazaki #petitmoispetiteslectures #tsubaki #hamaguri #tsubame #wasurenagusa #hotaru #lepoidsdessecrets #instabook #instalivre #bookstagram #livraddict #livresque #litteraturejaponaise #japon #instajapon #blogueusebelge #bloglitteraire #conseilslecture #lemeac #actessud #babeleditions
Un post condiviso da 0rianne (@riendetelque) in data:

Aki Shimakazi ci racconta la storia di un uomo che viene avvelenato a Nagasaki la mattina del 9 agosto 1945. Ovviamente in quel caos nessuno scoprirà mai che la assassina è Yukiko, la sua stessa figlia poco più di una ragazzina!
Yukiko ormai anziana, poco prima di morire, lascerà una lettera alla figlia in cui le confessa l'omicidio e le chiede di mettersi sulle tracce del suo fratellastro: la donna fino a quel momento non aveva mai sospettato di avere uno zio.


Inizia così un viaggio nella memoria di tutti i personaggi coinvolti, tranne il morto fedifrago, e soprattutto nel corso di un secolo di storia giapponese.
Io del Giappone sono completamente ignorante ed ammetto di non sapere nulla della sua storia, però avevo l'idea che fossero un popolo estremamente gentile ed accogliente.
Ho scoperto invece che sono stati (e forse sono ancora) profondamente razzisti, sia tra giapponesi di regioni differenti ma soprattutto con i coreani. Gli eventi raccontati rispetto ai coreani mi hanno davvero sconvolto.
Questo libro merita una lettura approfondita perché è un modo poco impegnativo per conoscere una pagina oscura della storia del Giappone.
La trama è coinvolgente e l'alternarsi dei punti di vista rende dinamica la lettura.
Davvero un bel libro!

15 giugno 2018

Tag Very Pop Blog - Le nostre estati del passato

MiziMoz ha avuto una bella idea per prepararci nell'attesa dell'estate 2018... che chissà cosa e dove ci porterà!
Moz ci chiede di fare un esercizio di memoria e tornare indietro alle estati della nostra infanzia e andare a recuperare i vari ricordi... per me è stato davvero molto divertente.

Le regole sono semplicissime:
1- Elencare tutto ciò che è stato un simbolo delle nostre estati da bambini, in base ai vari macroargomenti forniti;
2- Avvisare Moz dell'eventuale post realizzato, contattandolo in privato o lasciando un commento a
https://mikimoz.blogspot.com/2018/06/le-mie-estati-da-bambino.html
3- taggare altri cinque bloggers, avvisandoli.



Pronti? Allecciate la cintura della macchina del tempo che fra poco sarete catapultati nelle mie estati degli anni '90!

GIOCO IN CORTILE

A me d'estate piaceva tantissimo "cucinare" e come delle brave cuoche attente alla salute delle nostre bambole cucinavamo... rispettando le stagionalità XD
Prima della fine della scuola con mia sorella preparavamo tantissime "pastasciutte" con i gambi dei denti di leone, mentre in piena estate ci divertivamo un sacco a fare la "cacata", ossia una minestra con le foglie dei cachi del vicino (e metà del divertimento era garantito dal nome della pietanza!).
Quando l'estate stava per finire ed iniziavano i primi temporali di agosto, mia nonna ci liberava in giardino alla raccolta di lumache rosse che mettevamo dentro una soluzione di acqua e sale... ci divertivamo un sacco! Sono stata una bambina sadica prima di diventare vegetariana!

GIOCO IN SPIAGGIA

Per qualche motivo che non ricordo i nostri (miei e di mia sorella) castelli di sabbia avevano un nome molto più romantico: le case dei topi... che bambine dai gusti raffinati!

FUMETTO

Avevo una vera e propria passione per tutto ciò che aveva a che fare con la morosa di Topolino, quindi il giornalino che mi faceva compagnia in spiaggia d'estate (se mi comportavo bene) era Minni!
D'inverno non credo lo leggessi spesso, ma sicuramente usavo i segnalibri che si trovavano nel giornalino con tutti i personaggi Disney...

CIBO

La mia nonna a giorni alterni mi preparava le frittelle di fiori di zucca rigorosamente non ripiene e non salate... e io ne mangiavo una dozzina (minimo) prima di pranzo!
Effettivamente ora che ci penso mi chiedo perché si preoccupasse se poi non mangiavo pranzo!

CANZONE

Era l'estate 1994: la tremenda estate della mia pertosse ed io ascoltavo solo ed unicamente a palla Remix '94. Era una cassetta arancio fluo e una delle mie canzoni preferite era Nord Sud Ovest Est!

LIBRO:

Adoravo mettere il naso tra i libri di mia mamma da bambina: ricordo di aver scoperto così Il giornalino di Gianburrasca, che  mi era piaciuto tantissimo, e Piccole donne, che invece non ho mai finito!

FILM:

L'estate non è la stagione dei film ma ricordo che al mare andavamo al cinema all'aperto... e una volta avevamo visto uno dei miei film preferiti in assoluto: Mr Doubtfire!

LUOGO:

Il luogo delle mie estati è sempre stato Laigueglia e i bagni La Vela con i loro ombrelloni blu e le sdraio gialle: erano il mio pensiero felice per tutto l'inverno!

VIDEOGAME:

Avrei sperperato tutti i miei denari alle macchinette dei videogame in cui si giocava a Puzzle Bobble: non me ne piaceva nessun altro, ero solo ossessionata da quello!



GIOCO DA TAVOLA:

Le carte ci hanno fatto compagnia in tanti pomeriggi quando era ancora troppo caldo per andare in spiaggia oppure faceva brutto e si doveva rimanere in casa.
Il mio gioco preferito era Scopa all'asse.

GIOCATTOLO:

Avete presente quelle specie di racchettoni con il velcro? Adoravo!

TELEVISIONE:

La mattina su Italia 1 c'era Settimo Cielo!!!

LIFE:

Ero una bambina campagnola a cui piaceva da impazzire stare all'aria aperta, che fosse stare nei prati di casa, in gita in montagna o su una spiaggia. L'importante però è che non si giocasse a correre/prendersi: insomma, non sono cambiata di molto!

FOTO:
Estate 1989 probabilmente

Sentitevi liberi di prendere questo tag anche se non siete fra i 5 nominati: sono curiosa di volare in tante altre vecchie estati!

Icaro
Patalice
Nat
Silvia
Sara


10 giugno 2018

Trasfondo

Se non conoscete la storia della guerra delle Malvinas, Trasfondo, scritto da Patricia Ratto, non fa per voi.
Tutto pronto per la recensione: libro, appunti del Salone del Libro, romanzo ed atlante!

Che cosa siano le Malvinas non è necessario saperlo in modo approfondito: sono le Falkland!
Basti sapere che sono due isolotti sperduti nell'Oceano Pacifico, dove non c'è nulla di particolare, ma hanno una posizione strategica per avere un accesso futuro alle risorse dell'Antartide. E questo è uno dei motivi per cui nel 1982 scoppiò una guerra tra l'Argentina della dittatura militare e il Regno Unito della Tatcher.
[Questo è grosso modo quello che ho capito dopo una visita al limite del surreale nel Museo delle Malvinas a Buenos Aires]
museo-islas-malvinas-buenos-aires
Là lo chiamano Museo, io lo chiamo "Pura Propaganda Politica"
Gli argentini si sentono davvero derubati di un bene quindi con loro non dovrete mai usare la parola Falkland, hanno un giorno festivo dedicato alle Malvinas (il 2 aprile, il giorno in cui è iniziata la guerra) e ricordano i loro eroi morti anche al centro di Buenos Aires in Plaza de Mayo e se andrete in Terra del Fuoco li troverete ancora più caldi sull'argomento.
ushuaia-navi-pirata-
Proibito l'attracco della navi PIRATA inglesi - Ushuaia
Questo libro non è per tutti per due motivi:


  • la storia dei ragazzi mandati allo sbaraglio su un sottomarino mal equipaggiato è poco nota agli stessi argentini: Patricia Ratto, l'autrice, al Salone del Libro ha detto chiaramente che quando ha ascoltato per la prima volta la testimonianza di un reduce del sottomarino San Luis non ne sapeva nulla. La ricostruzione della storia di questi militari, che per 39 giorni hanno tentato di difendere le coste delle isole Malvinas dagli inglesi su un mezzo dove persino i sistemi per le comunicazioni lasciavano a desiderare, è stata difficile perché non si trovano documenti ufficiali. Probabilmente la dittatura, che in quel momento si trovava in grande difficoltà, cercava delle vittime con cui influenzare l'opinione pubblica ma si è ritrovata con 35 uomini che erano il simbolo della sua sconfitta: questi ragazzi furono fatti sbarcare di notte in modo vergognoso e senza alcun onore in una piccola località vicino Mar del Plata.
  • Fonte: il manifesto


  • Lo stile è volutamente claustrofobico: l'autrice ha spiegato come oltre alla ricerca storica abbia dovuto avviare una ricerca tecnica su che cosa significhi vivere in un sottomarino. Il suo stile rende molto bene l'idea di avere poca aria, i rumori dei motori, la mancanza di luce naturale: sembra per davvero di soffocare durante la lettura, ma questo dopo un po' rende pesante la lettura.
Pagina Facebook blog


Trasfondo di Patricia Ratto è una lettura adatta a chi è impallinato con la storia dell'Argentina oppure per chi ama i sottomarini.


05 giugno 2018

Ciao Maggio

Questo 2018 continua ad essere un anno difficoltoso, più che difficile. Un anno in cui per non andare giù bisogna trovare tutte le forze possibili ed immaginabili per galleggiare. So anche di essere fortunata perché quando mi lascio prendere dallo sconforto c'è sempre qualcuno accanto a me che mi tende la mano o mi prende per i capelli (non sempre i metodi gentili sono i più funzionanti, lo so!).

Maggio è il mese in cui ho iniziato la dieta, che chissà fino a quando avrò voglia e determinazione di proseguire... mai mangiato così sano in vita mia!

E maggio è anche quel mese in cui (temporali a parte) si inizia a mettere un piede verso l'estate e finalmente mi sono decisa a prenotare le vacanze... alla fine se si guarda il bicchiere mezzo pieno non è andata poi così male!

Libri di maggio
A maggio ho letto meno del solito, ma considerando che uno dei due libri superava le 800 pagine sono stata lo stesso parecchio con il naso tra le pagine... come dice il barista del bar vicino all'ufficio "Federica ogni tanto leggitelo un libro che ti fa bene!"

Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì: leggete il primo della Pancol che merita, gli altri fateveli raccontare.












Mia nonna saluta e chiede scusa: titolo e copertina invoglianti, ritmo lento, qualche lacrimuccia alla fine.








Film:
Era una vita che non vedevo un film, non solo al cinema ma nemmeno a casa.
Ho visto Confusi e felici solo perché c'era Claudio Bisio e mi sono davvero divertita tanto a vedere questo psicanalista circondato da tanti "matti moderni"/ i suoi pazienti che devono aiutarlo quando il depresso sta diventando lui!








Giretti:
Maggio a Torino "fa rima" con il Salone del Libro. 
Ammetto che a me il Salone non piace moltissimo: troppa gente, troppi libri, troppo tutto ed io nella confusione divento una ameba.
Da alcuni anni però ho trovato la mia personale formula per vivere al meglio il Salone: scelgo un incontro che mi interessi, possibilmente non nel fine settimana, e vado apposta per quello e faccio un giro rapidissimo solo dove so che ci possono essere novità interessanti o sconti appetitosi.
Quest'anno ne ho approfittato per comprare la guida della Lonely Planet, che al Salone sono sempre scontate, ed un libro ambientato nei paesi che visiterò ad agosto!
Per l'incontro con l'autrice invece ho scelto Patricia Ratto: è un'argentina e ha scritto un libro sulla guerra delle Malvinas (o Falkland). L'incontro è stato davvero molto molto interessante!

Con alcune amiche un sabato pomeriggio abbiamo deciso di andare a vedere i narcisi in un posto vicino a casa dove nessuna di noi era mai stata, ma avevamo visto foto bellissime su instagram.

Ed invece non è andata come preventivato: sole non pervenuto, narcisi chiusi, noi bagnate-quasi-zuppe ma divertite!

30 maggio 2018

Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì

Sono giunta alla fine della saga della Pancol: dopo il primo libro "sui coccodrilli" bellissimo e molto coinvolgente e il "secondo delle tartarughe", sono arrivata dopo 2000 pagine alla fine della trilogia con Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì.


Un post condiviso da Federica (@federica_zucca) in data:

Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì racconta l'ultima fase della transizione della protagonista Josephine da brutto anatroccolo goffo ed impacciato a cigno, ovvero donna sicura di sé ed orgogliosa dei suoi progressi. (Scusate se sono rimasta in tema di paragoni animaleschi!).
Ovviamente continuiamo anche a seguire i progressi delle sue figlie e di tutta la sua famiglia allargata.


Del primo libro mi era piaciuto il 90% dei contenuti e c'era solo una nota che mi era sembrata stonata, nel secondo libro quella nota era diventata più importante e nel terzo ogni tanto mi ritrovavo a pensare "e poi che ancora?!?!": la regina Elisabetta, Einstein, Cary Grant e per finire la lettura nel pensiero!

Souvent la vie s’amuse. Elle nous offre un diamant, caché sous un ticket de métro ou le tombé d’un rideau. Embusqué dans un mot, un regard, un sourire un peu nigaud. Il faut faire attention aux détails. Ils sèment notre vie de petits cailloux et nous guident. Les gens brutaux, les gens pressés ignorent les détails. Ils veulent du lourd, du clinquant, ils ne veulent pas perdre une minute à se baisser pour un sous, une paille, la main d’un homme tremblant. Mais si on se penche, si on arrête le temps, on découvre des diamants dans une main tendue... Et la vie n’est jamais plus triste. Ni le samedi, ni le dimanche, ni le lundi. #lesecureuilsdecentralparksonttristeslelundi #katherinepancol #livre 📚 #litterature #française #bonheur #humour #fraicheur #roman #book #french #literature #england #love #wayoflife #sunny #monday #joy #happiness #hobby #break in the #sun
Un post condiviso da Pauline (@datgirlsagenius) in data:

E' proprio vero che a volte il dono della sintesi aiuta: se avesse aggiunto altre 100 pagine al primo libro e l'avesse finito così sarebbe stato perfetto! Invece così la storia si è trascinata per le lunghe ed ha perso di brio...
Quindi se vi piacciono le saghe ve lo consiglio, ma non più con l'esaltazione che avevo appena finito il primo volume... peccato!

24 maggio 2018

Le biblioteche di Manchester (e di Liverpool)

Tra le cose più interessanti di Manchester (che ammetto che non mi ha conquistata) ci sono le sue biblioteche storiche, eleganti, importanti.

La più importante è la Chetam's Library perché è anche la biblioteca anglofona più antica che ci sia.
La biblioteca si può visitare solo con una visita guidata ma gratuita (come in molti altri musei della città si fa semplicemente un'offerta libera per entrare): fate quindi attenzione agli orari indicati sul sito e tenete presente che la visita è solo in lingua inglese.
La biblioteca di per sé non è molto grande ma l'effetto-Hogwarts è assicurato.
Qui vi mostreranno la più piccola copia de Il capitale esistente e vi faranno vedere la finestra ed il tavolo su cui studiavano Marx ed Engel quando si incontrarono proprio a Manchester!
Chetams-manchester

Mi è piaciuta però molto di più un'altra biblioteca di Manchester: la John Rylands Library. 
Anche qui l'ingresso è completamente gratuito, ma non c'è la visita guidata.
Rimarrete impressionati dalle scalinate che sembrano quelle di un castello, dalle teche con i libri antichi e quando ci sono stata io c'era pure una mostra sui colori.
La cosa che però mi è piaciuta di più è stata la sala di lettura: sembra quasi una chiesa, ci sono teche che raccontano la storia e c'è gente che studia per davvero! E' stato straordinario camminare in una sala dove sicuramente hanno letto nel corso di un secolo tante persone ed oggi c'era gente con il computer portatile che lavorava. Questa biblioteca non è un luogo da visitare ma un luogo da vivere!
[per saperne di più leggete questo bel post di Giovy]
Mr John Rylands nella sala di lettura della biblioteca che porta il suo nome
Ma la biblioteca che più mi ha colpito e mi ha lasciato stupita inebriata è stata la biblioteca centrale di Liverpool (e per gli stessi motivi merita anche quella di Manchester, anche se è meno spettacolare!).
Questa è una biblioteca vera! Ovvero un posto dove puoi prendere in prestito un libro dopo averlo cercato tra gli scaffali, prendere le scale mobili in un clima assolutamente moderno e poi ritrovarsi in una sala con l'orologio a pendolo.
Io se vivessi a Liverpool andrei spesso a prendere un caffè nel bar di una biblioteca così....
Alzando gli occhi in biblioteca... 
L'enorme sala di lettura per i bambini dove tutto è a misura di bambino
Posti dove gli occhi brillano!!!



18 maggio 2018

Mia nonna saluta e chiede scusa

Mia nonna saluta e chiede scusa è uno di quei libri che non può passare inosservato in una libreria: ha un titolo che ti incuriosisce e una copertina magnetica se sei un fan di Harry Potter (ed io modestamente lo sono!).


La bambina in copertina si chiama Elsa ed è una bambina speciale e come tutti i bambini speciali non va a genio ai bambini della sua scuola che la inseguono in continuazione per bullizzarla.
Se guardate bene la copertina vedrete che Elsa in mano stringe una busta, ancora più in evidenza  nella copertina bulgara rispetto a quella italiana.
La nonna di Elsa, che per quasi 8 anni è stata la vera paladina di questa bambina speciale, è morta e le ha lasciato un compito importantissimo: consegnare una serie di lettere a persone che in passato ha ferito e che, per l'appunto, saluta e a cui chiede scusa.


Elsa in questa missione però non sarà sola e trova il primo vero amico della sua vita: di primo acchito sembrerebbe un gigantesco cane da combattimento, ma in realtà è un... wors! Cos'è un wors? Se non lo sapete è perché non siete mai stati nel paese-da-quasi-svegli. E se non sapete cosa sia il paese-da-quasi-svegli significa che non avete mai conosciuto la nonna di Elsa e non avete mai ascoltato le sue fiabe con cui raccontava il mondo alla sua bambina.
Elsa ed il suo wors scopriranno piano piano, lettera dopo lettera, i segreti di chi vive nel loro palazzo...

Вторая книга Бакмана не впечатлила, как первая - не было ни кома в горле ни скупой слезы, самое интересное для меня оказались истории жизни соседей. Не то чтобы я перестала ждать выхода третьей книги в мае, но уже не с таким рвением, как прежде #instapic #instabook #backman #fredericbackman #minmormorhälsarochsägerförlåt #bookstagram #book #books #reading #hobby #бакман #фредерикбакман #бабушкавелелакланятьсяипередатьчтопроситпрощения #синдбад #издательствосиндбад #книги #мирдолжензнатьчтоячитаю #книга #хобби #чтение #читайгород_доставляет
Un post condiviso da Alexandra (@alex.nesterova) in data:

La versione coreana della copertina invece punta tutto sull'ambientazione: l'autore, Friederik Backman, è svedese e non fa riferimento a nessun luogo particolare se non al palazzo dove vive Elsa con la mamma ed  il suo nuovo compagno e dove, sullo stesso pianerottolo, abitava anche la nonna.
Però si parla spesso di glögg e ciambelline alla cannella, quindi sì siamo ufficialmente in Svezia.
Un post condiviso da 글꽃송이 (@song.yi.song.yi) in data:

Come avrete intuito da tutte queste copertine, Mia nonna saluta e chiede scusa ha avuto un grande successo ed è stato tradotto in tantissime lingue.
Però a me non è piaciuto molto: l'ho trovata una lettura decisamente lenta e poco coinvolgente.
Questo continuo clima "da favola" a me dopo un po' ha stufato.
Salvo invece il finale perché ha un ritmo un po' più incalzante e fa commuovere (e a me piace tanto piangere!).
Mia nonna saluta e chiede scusa è uno di quei libri su cui è difficile dare un giudizio: né belli né brutti, difficili da lodare ma impossibile da massacrare, dei libri "mah, sì se vuoi leggilo però..."
Se vuoi leggere una bella recensione di chi ha apprezzato questo libro ti consiglio il post della lettrice rampante.


11 maggio 2018

Cosa mangiare in Inghilterra

Che si mangia in Inghilterra?
[sottotitolo: soprattutto se sei vegetariano]

Tutti sanno che quando si va in Inghilterra si mangia il Fish&chips: a Liverpool ho sentito una puzza profumo di fritto da fare invidia a qualsiasi ristorante cinese, a conferma di tutto quello che era scritto in ogni libro di inglese delle elementari, medie e superiori!
Ma io non magio il "fish" e tanto meno il piatto tipico di Liverpool, lo scouse (che dovrebbe essere del manzo affumicato con le patate), fa per me: sono quindi morta di fame?
Direi di no!

Io ho trovato la mia grande passione, un buon motivo per tornare in Inghilterra anche quando il principe Harry non sarà più sulla piazza: le Jacket Potato!
Le Jacket Potatoes non sono altro che una patata con la buccia, aperta e cotta al forno, con sopra ogni ben di dio: quella che mi ha fatto brillare gli occhi e riempire lo stomaco è la versione con sopra fagioli e formaggio!
cosa-mangiare-inghilterra-veg
Solo cose leggere per me, grazie!
A Manchester invece ho mangiato in un ristorante di catena che proponeva solo insalate: mi sono fidata del fatto che fosse pieno di inglesi in pausa pranzo!
Chop'd io lo promuovo assolutamente: buono, salutare ed economico...


E cosa bere in Inghilterra?
Ovviamente birra, non è neanche da chiedere.
La birra più comune che troverete in tutti i bar è la Foster's, che è originaria dell'Australia ma credo che gli inglesi l'abbiano ormai adottata...
Non spaventatevi per le dimensioni del bicchiere della birra (non bisogna dire che la volete grande: è scontato): costa davvero poco ed è molto leggera... si beve che è un piacere!
Gli inglesi iniziano a bere molto presto al pomeriggio: quindi direi che è sempre l'ora di una buona birra!
Pare però che gli inglesi continuino ad essere grandi consumatori di gin, da quanto si vede dai souvenir che ci sono in giro.

A proposito di tea invece mi ha fatto molto sorridere il fatto che il tea al mattino me lo abbiano servito con un bicchierino di latte a fianco... strano no?
tè-latte-inghilterra
colazione con vista nei pressi del Liverpool One: una grande area commerciale 


E dove mangiare?
Ma in un pub naturalmente!
Ne troverete ad ogni angolo di ogni via per tutti i gusti: in molti di essi c'è la possibilità di ascoltare musica dal vivo e anche ballare.
A Liverpool il pub più famoso è The Cavern, la ricostruzione del pub dove si esibivano i Beatles. L'ingresso però costa 2,50 sterline e quando sono andata io c'era un po' di cosa: ho rinunciato e mi sono limitata a guardare l'ingresso da fuori.
the-cavern-pub-liverpool


08 maggio 2018

Ciao aprile

Che mese ciccio, aprile!
Aprile è stato un mese di grigliate & passeggiate, caciocavallo impiccato & street food, waffles & colazioni chiacchierine, picnic & giochi al sole, apertivi formaggiosi & amiche bollicine... perché chiacchierare con le amiche è bello, ma con qualcosa di buono di fronte è molto meglio!
Un post condiviso da Federica (@federica_zucca) in data:

Aprile 2018 è stato anche il mese in cui ho ricominciato a viaggiare da sola: non è stato tutto facile, ma mi sono concentrata sulle cose belle... come una cena in ostello con una polacca, un argentino. un portoghese e un presunto cuoco inglese che lavora in Nuova Zelanda ma che ha preparato degli spaghetti che meriterebbero il rogo :)

Libri dal più bello (al meno bello)

Ad inizio aprile mi sono gettata a capofitto e per puro caso nel primo capitolo della saga della Pancol e subito dopo sul secondo libro. Prima di leggere il terzo ed ultimo ho deciso di prendere un po' di fiato con La crepa ed iniziando Mia nonna saluta e chiede scusa.



Gli occhi gialli dei coccodrilli: primo libro di una trilogia, protagonista è una ricercatrice di storia medioevale con una sorella gnocca che le frega la fama e che ha una vita sentimentale complessa.










La crepa racconta di un architetto con la crisi di mezza età e un occultamento cadavere sulla coscienza.
E poi parla di Buenos Aires, tantissimo.







Il valzer lento della tartarughe è il seguito de "Gli occhi gialli dei coccodrilli". Viste le premesse si poteva fare decisamente di meglio!










Viaggetti:
Liverpool è una città di contrasti armoniosi, dove gli edifici di mattoni marroni della città portuale si accordano con i grattacieli moderni e le loro vetrate luminose.

Un post condiviso da Federica (@federica_zucca) in data:

E' una città curata, dove si percepisce che c'è un progetto di valorizzazione cultura degli spazi (e probabilmente della vita) della città.
sun-liverpool
Qui lo stesso angolo di Liverpool con la pioggia: sembrano due posti diversi!

Liverpool è anche una città curiosa: è un posto dove nel 1998 un artista giapponese crea una statua enorme di un agnello-banana secondo logiche a me sconosciute (ho letto che rappresenterebbe l'importazione di banane che arrivavano a Liverpool e l'esportazione di pecore!). Non sto scherzando: nel 1998 si installa il Superlambanana alto più di 5 metri e di un bel giallo brillante. La statua a me di primo acchito sembrava un cagnone malfatto, ma a Liverpool è piaciuto un sacco e dieci anni dopo, quando Liverpool è diventata capitale della cultura, ne hanno fatto 124 copie più piccole e tutte colorate diversamente in giro per la città.
E' talmente assurdo che alla fine piacerà pure a voi... e vi ritroverete a pensare quale sia il vostro preferito tra quelli che avete incontrato!


#superlambanana #lambanana #liverpoolinlove #liverpooltrip #liverpool #visitengland #visitliverpool

Un post condiviso da Federica (@federica_zucca) in data:


02 maggio 2018

La crepa

La crepa di Claudia Piñeiro è stato il regalo di Natale di Claudia, che sa quanto sia impallinata con l'Argentina e quanto mi siano piaciuti gli altri romanzi che ho letto di questa giallista di Buenos Aires.

La crepa è un giallo ambientato nel centro di Buenos Aires.
Pablo Simò è un architetto di mezza età con moglie e figlia adolescente decisamente precisino e frustrato: ha un  matrimonio che va avanti per inerzia e un lavoro che non lo appaga.
Pablo Simò però ha soprattutto un segreto: ha aiutato i suoi colleghi a disfarsi del corpo di un uomo alcuni anni prima.
L'arrivo di una bella ragazza all'improvviso, che cerca informazioni su costui, lo porterà a smuovere le sue certezze.

Un post condiviso da Val (@valeria_ontiveros_) in data:

La crepa ci racconta di due Buenos Aires diverse: quella su cui lavora Pablo e quella dove Leonor lo riporta.
La Buenos Aires di Pablo ormai è solo più un reticolato di prati dove costruire o vecchi edifici da abbattere e rimpiazzare, per poi vendere gli appartamenti e fare soldoni. Stiamo parlando di una realtà corrotta, dove i controlli sono fatti con delle maglie molto larghe e dove in nome delle vendite tutto è lecito o quasi.
La Buenos Aires dove lo riporta Leonor invece è quella elegante dei palazzi del centro: la ragazza è una giovane fotografa che deve immortalare 5 edifici della città.
I 5 edifici che sceglie Pablo per Leonor
Leonor e Pablo si danno appuntamento all'angolo con il Congresso e da lì iniziano la loro passeggiata perché
Buenos Aires non è così, Buenos Aires è fatta per camminarci
palazzo-congresso-argentina
Il Palazzo del Congresso a Buenos Aires
Come trama  non è sicuramente quello della Piñeiro che mi è piaciuto di più, ma il suo stile è sempre molto scorrevole e secondo me è un libricino che merita una lettura se uno pensa di fare un viaggio a Buenos Aires: queste pagine sono come un paio di occhiali che renderanno più sensibili alla bellezza delle vie della "Capitàl".

Di Claudia Piñeiro io ho letto anche:
Claudia Piñeiro che mi risponde su instagram :)

Tua, che resta il mio preferito
Le vedove del giovedì, che fa parte della selezione di titoli della promozione 2 libri a 9,90€ della Feltrinelli.

29 aprile 2018

Liverpool & Manchester #unafotoalgiorno

Ho portato a casa la pellaccia dal mio primo viaggio inglese: sono riuscita ad evitare i tifosi della Roma per la semifinale di Champions per il rotto della cuffia ed a sopravvivere agli inglesi che perseverano nel guidare contromano.
Gli inglesi mi hanno conquistato con la loro gentilezza squisita e la loro ospitalità: dall'autista del bus che collega l'aeroporto alla città che mi ha fatto salire gratis (visto che avevo solo sterline "fuori corso" nel mio portafoglio) a tutti quelli che appena mi vedevano con una cartina in mano si fermavano per chiedermi come potevano aiutarmi.

Manchester non mi è piaciuta molto: è molto più grande-città rispetto a Liverpool e non ci ho trovato niente di davvero speciale.
Liverpool invece è più particolare, con la sua storia di città portuale e i suoi docks ristrutturati e valorizzati.
Se state organizzando un viaggio in queste due città inglesi vi consiglio di sbirciare sui blog Emotion recollected in tranquillity e Vagabondi squattrinati, se invece volete avere un assaggio del mio viaggio ecco #unafotalgiorno del mio viaggio (da una carinissima idea di OneTwoFrida).

Giorno 1: Liverpool con il sole
Sono arrivata a Liverpool in piena primavera, ma le ragazze inglesi credevano fosse piena estate e si erano desnudate alla grande. Io non ho mai visto tanti addii al nubilato tutti insieme e così concentrati! 
Liverpool con il sole è un vero piacere per l'anima...
Un post condiviso da Federica (@federica_zucca) in data:



Giorno 2: Liverpool con la pioggia & il museo dei Beatles
Complice una giornata grigia e piovosa, mi sono rifugiata nel museo dei Beatles. Il museo è caro: quasi 20 euro (anche se io avevo uno sconto ottenuto con Booking). Avevo letto pareri contrastanti sul museo e, ad essere sincera, non mi ha fatto impazzire: ci sono alcuni oggetti appartenuti ai Fab Four e sono ricostruiti nei dettagli alcuni spazi che hanno fatto da sfondo alla loro storia, l'audioguida anche in italiano è molto precisa, ma secondo me non dice nulla di più di quello che si potrebbe imparare guardando un bel documentario.
cavern-beatles-museo
La ricostruzione del palco di The Cavern, il locale dove suonavano i Beatles a Liverpool
Giorno 3: Manchester con la pioggia
Vi parlerò, giuro, della biblioteche che ho visitato in questo viaggio: roba da far brillare gli occhi!
La Chetam's Library è stata fondata a metà del 1600, ci si trovano Marx ed Engels per ideare le loro teorie... ma a me sembrava di stare dentro la biblioteca di Hogwarts: una magia!
biblioteca-di-marx-engels
La biblioteca storica di Manchester
Giorno 4: Liverpool (le ultime ore di pioggia)
Complice la pioggerellina battente mi sono buttata nel Museo di Liverpool (gratuito ad offerta libera), dove ho scoperto tante cose sul treno che collegava il porto di Liverpool alle fabbriche di Manchester e sull'anima gayfriendly di Liverpool!
museo-liverpool-treno
Lion Locomotive
Da Fantozzi anche stavolta è tutto...
ruota-pioggia-liverpool
Domenica mattina di pioggia, Liverpool ancora deserta

...se volete scoprire altri #unafotoalgiorno