28 gennaio 2022

Libri MMXXI

Come lo scorso anno, ma con un po' di ritardo in più, eccomi a tirare le somme delle mie letture dell'anno precedente.

Le domande a cui ho risposto sono diverse perché le abitudini di lettura, come tante altre cose, con il tempo cambiano. Per esempio, nel 2021 ho dedicato molto meno tempo al blog (eufemismo!) e di conseguenza non me la sono sentita di provare a collaborare con le case editrici.

Ho però iniziato a partecipare a dei Gruppi di Lettura online e mi sembrava carino tenerne traccia.

Anche voi tenete traccia delle vostre letture? Che strumenti usate?


1) Quanti libri hai letto nel 2021?

41: decisamente meno rispetto al 2020 ma il 2020 è stato un anno eccezionale anche dal punto di vista delle letture.

2) Quanti erano fiction e quanti no?

I romanzi restano le mie letture preferite, ma ho letto anche qualcosa di diverso:

  • Ho letto 3 saggi:
A che ora si mangia di Alessandro Barbero: veloce ed interessante, anche se non illuminante
Stop plastica a mare: un interessante e scorrevole trattato sul mondo delle platiche, le buone e le cattive abitudini
I 10 disastri climatici che hanno cambiato il mondo: un approccio un po' troppo storico per i miei gusti

  • Ho letto 1 graphic novel:
La rosa più rossa si schiude: un trattato di filosofia sull'amore e le relazioni nella storia davvero molto originale 

  • Ho letto 2 raccolte di racconti, che non riescono mai ad appassionarmi:
Amore lontano: la storia  di 7 poeti in 7 racconti 
L'inventore di sogni: un libro adatto ai ragazzi delle medie

  • Ho letto 1 biografia:
La vasca del Führer della Dandini sulla vita roccambolesca (anzi sulle vite)  della fotografa  Lee Miller.

  • Ho letto 1 manuale:
Birra. Manuale per aspiranti intenditori che è simpatico come manuale, ma non illuminante.

3) Quanti scrittori e quante scrittrici?
Neanche a farlo apposta un perfetto 50% vs 50%!

4) Il miglior libro letto?
Quando le montagne cantano che è una splendida saga familiare ambientata in Vietnam. 
Gli altri 4 libri finalisti del mio personalissimo podio li trovate QUI.



5) E il più brutto?
La strage degli imbecilli: un titolo accattivante spesso nasconde un libro assolutamente insipido, noioso e ripetitivo.

6) Il libro più vecchio che hai letto?
Il più grande uomo scimmia del Pleistocene è del 1960 ed è stato almeno un decennio nella mia libreria ad aspettare che lo leggessi. Ho scoperto uno sguardo estremamente moderno e ironico su un mondo che da milioni di anni non è poi così tanto diverso. Se non lo avete mai letto, fatelo.

7) E il più recente?
Il maialino di Natale è una deliziosa storia per bambini scritta dalla Rowling.

8) Qual è il libro col titolo più lungo?
Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio ha un titolo lunghissimo per un libricino sottile che si legge velocissimo, ma che dà da riflettere a lungo.

9) E quello con il titolo più corto?
Patria è un bellissimo romanzo ambientato nei Paesi Baschi. E' una lettura molto intensa.

10) Quanti libri hai riletto?
Nessuno, però ho riascoltato Orgoglio e pregiudizio che avevo letto tanti anni fa.

11) Hai letto più libri dello stesso autore?
Ho letto due libri di Madeleine St John: Una donna quasi perfetta, che mi è piaciuto tanto, e Il cuore segreto delle cose, che non mi ha entusiasmato.

12) Quanti libri di autori italiani?
Ho letto 9 libri di autori italiani, ma nessuno di loro è tra i preferiti dell'anno.
Tra gli stranieri ho letto più francesi che autori di altre nazioni.

13) Quanti libri sono stati presi dalla biblioteca?
15 libri sono stati presi da diverse biblioteche. Cambio biblioteca in base a come cambiano i miei impegni: orari, facilità di raggiungerla e simpatia de3 bibliotecar3 sono gli elementi che mi portano a scegliere o abbandonare una biblioteca. 
A questi si aggiungono gli ebook presi in prestito dalla biblioteca online: ben il 46% delle mie letture provengono dalle biblioteche.

14) Quanti libri erano ebook?
Solo 4. Dopo essere stato riscoperto dopo anni in un cassetto durante la prima ondata, il mio lettore ebook è morto da un momento all'altro. Ne ho trovato uno usato un po' meno bello con cui sostituirlo dopo un po' di mesi, che poi ho prestato ed è tornato dopo parecchie settimane: insomma il mio nuovo (ma non nuovo) lettore ebook l'ho usato proprio poco, ma conto di frequentarlo di più nel 2022.

Leggere più di 40 libri spendendo poco più di 80€ è una buona media, non credete?
Per i miei standard ho però comprato più libri del solito: ho partecipato a diverse tappe di Gdl e ho comprato 4 libri che non riuscivo a procurarmi diversamente. Alla fine i libri acquistati sono 6/41.
QUI una lista di consigli per leggere gratis (o quasi) che avevo fatto ai tempi della prima ondata quando eravamo tutti chiusi, ma i consigli sono sempre validi.

16) Hai partecipato a qualche evento letterario?
Il Salone del Libro è tornato nel 2021 ma io non me la sono sentita di infilarmi in un posto che percepivo come già troppo affollato anche in tempi prepandemici.
Ho preso parte solo a due presentazioni di libri fatte vicino a casa e poi ho partecipato ad una discussione online molto carina su Persone normali organizzate dal GdL di Tomi&tomini.

io-sono-il-male
Io sono il male

17) Hai partecipato a qualche GdL?
Un unico GdL da portare avanti tutto l'anno per me è un progetto un po' troppo vincolante, ma le proposte dei GdL spesso permettono di avvicinarsi a libri che magari in autonomia non ci avrebbero interessati.
Per il GdL di Cibook: A che ora si mangia? di Barbero

18) Qual è l'editore più letto?
Con ben 7 libri questo è stato un anno Einaudi: il migliore è L'ibisco viola.
In tutto gli editori letti sono 24 e questo dato è particolarmente importante perché mi piace leggere libri di editori diversi.

19) Quanti libri erano audiolibri?
Con la nuova sede di lavoro ho ricominciato a trascorrere tempo in macchina e ho ripreso ad ascoltare audiolibri. Ho ascoltato Orgoglio e pregiudizio, che avevo letto più di 10 anni fa: oggi come allora non mi ha entusiasmato.

20) Buoni propositi letterari?
Di solito non faccio liste di buoni propositi, ma quest'anno mi sono data questi obiettivi: leggere almeno 3 libri al mese di cui uno preso dalla pila dei libri che ho accumulato negli ultimi anni, uno preso in biblioteca, uno per partecipare a qualche Gdl.


In contemporanea mi piacerebbe partecipare a questo progetto 


4 commenti:

Andrea Sacchini ha detto...

Anche io tengo traccia dei libri che leggo e, alla fine di ogni anno, scrivo un post in cui elenco i titoli letti, per vedere se qualche mio lettore ne ha letto a sua volta qualcuno.
Nell'anno appena concluso ne ho letti 81, più o meno equamente divisi tra narrativa e saggistica (le amo entrambe).
Leggo solo libri cartacei e non ho mai ascoltato un audiolibro; forse prima o poi proverò.
Tra le riletture c'è Shining, di Stephen King, che lessi quand'ero giovane e che ho voluto rileggere a distanza di 25 anni dalla prima volta.
Patria, che hai menzionato nel post, l'ho letto qualche anno fa e mi ha stregato.
Ciao :-)

babalatalpa ha detto...

La settimana scorsa ho visitato la mostra “Essere umane. Le grandi fotografe raccontano il mondo” (Forlì, Musei di San Domenico). E per la prima volta ho visto alcuni scatti di Lee Miller da vicino, inclusa, per l’appunto, una foto nella vasca da bagno di Hitler. Sono tornata a leggere lo stralcio del post che hai dedicato al libro della Dandini, però continua a non convincermi. Magari lo prendo in prestito in biblioteca così me ne faccio un’idea.
Questo post, comunque, è un bel modo per tener traccia e condividere pubblicamente le proprie letture. Io utilizzo Goodreads solo perché trovo utile che “qualcuno” tiri fuori un po’ di numeri a fine anno. Dal 2021, però, ho ripreso ad annotare con più costanza letture e impressioni di lettura sul mio quadernetto. Il ritorno alla cara vecchia carta.

Novella Semplici ha detto...

Aspettavo il tuo bilancio! :)
Io traccio con Goodreads e Anobii, ho amici su entrambi quindi non li mollo.
Pubblico il mio bilancio su Facebook ogni anno non avendo un vero blog a tema libri. Quest'anno come numero complessivo è andata bene: 32.

Sara ha detto...

Tu sei un'autorità in materia di libri!
Io adesso mi approvvigiono anche in un negozio dell'usato dove spesso ci finiscono libri nuovi!